Tendenze digitali 2014: cosa, dove e come

Quanti utenti attivi ci sono nel mondo? Cosa usano per collegarsi al web? In quali social trascorrono il loro tempo?
Il Social, Digital & Mobile Worldwide 2014 spiega i numeri delle maggiori tendenze digitali con un occhio attento anche all’Italia. I dati principali e il report completo

Ventiquattro Paesi, tra cui l’Italia, sotto la lente d’ingrandimento del Social, Digital & Mobile Worldwide 2014 di We Are Social, per fotografare lo stato del digitale nel mondo.
Lo studio di 183 pagine mostra dati interessanti e conferma che, attualmente, la crescita di tutto ciò che riguarda internet e la multimedialità è trainato dalla sempre maggiore diffusione dei dispositivi mobili.

Ad oggi gli utenti internet hanno raggiunto globalmente l’esorbitante cifra di 2,5 miliardi, ossia di oltre un terzo della popolazione mondiale (35%). Il numero complessivo, però, è stato calcolato per difetto e gli addetti ai lavori, tra i quali spicca l’International Communications Union, sono propensi a credere che si sia ormai toccata la soglia dei 3 miliardi, soprattutto grazie alle connessioni mobili.

Come è facile intuire, la distribuzione geografica degli utenti non è omogenea. Mentre Nord America e Europa occidentale vantano rispettivamente l’81% e il 78% delle persone collegate in rete, macroaree come l’Africa (18%) e il sud est asiatico (12%), presentano percentuali assai più ridotte. Ma è proprio dai Paesi in via di sviluppo che, secondo lo studio, ci si aspetta nei prossimi anni una crescita maggiore, di pari passo con la diminuzione dei costi del traffico mobile. Sono dunque ancora una volta i dispositivi mobili, smartphone in primis, a trainare la crescita.

Del resto è un fatto che i cellulari di ultima generazione siano gli strumenti che le persone sentono più vicini e alla portata e che, per questo, abbiano ormai superato di gran lunga la telefonia tradizionale. In molte aree del globo, soprattutto in quelle in via di sviluppo, sono gli unici strumenti utilizzati per collegarsi e interagire nel web e sono ormai 1,5 miliardi di persone ad accedere ad internet in banda larga mediante un dispositivo mobile.

A beneficiare della massiccia diffusione degli smartphone sono anche i social network: secondo i dati rilasciati da Facebook, almeno tre quarti dei suoi circa 1,2 miliardi di utenti si collega da cellulare.
La classifica dei social prediletti, vede ancora in testa la creatura di Zuckerberg, seguita a molta distanza da Google+ (300 milioni di utenti) e Twitter (232 milioni di utenti). Whats’app, che più che tra i social va annoverato tra i sistemi di messaggistica e chat mobile, vanta al momento 400 milioni di iscritti in tutto il mondo.

L’Italia

Guardiamo in casa nostra: stando ai dati del report, l’Italia ha una penetrazione internet del 58%, equivalente a circa 35 milioni e mezzo di connazionali su un totale di 61,5 milioni di abitanti . Gli utenti italiani trascorrono ogni giorno sul web 4,7 ore collegati da un desktop, e poco più di 2 ore connessi da mobile.
Il 42% (26 milioni) è attivo su Facebook, sul quale passa giornalmente una media di 2,5 ore. Il 53% possiede un account su Google+, il 41% su Twitter, il 24% su Linkedin e il 17% su Instagram.

Innamorati da sempre dei cellulari, deteniamo il primato europeo di penetrazione del mobile con il 158% che, tradotto in cifre significa oltre 97 milioni di abbonamenti di telefonia mobile attivi, contro il 133% della Germania e il 132% della Polonia. A livello mondiale battiamo gli Stati Uniti (103%) e siamo secondi solo all’Arabia Saudita (197%) e alla Russia (184%).
Sotto il report completo.