Smart tv troppo smart: barano sui consumi

La notizia è di quelle destinate a fare rumore: alcune tv lcd di ultima generazione consumano più energia di quanto dichiarino le loro etichette di certificazione energetica. Secondo ComplianTv, l'organismo indipendente che testa le tv per verificare la loro reale corrispondenza alle norme di rispamio energetico europeo, i prodotti della coreana Samsung potrebbero essere in grado di riconoscere quando vengono sottoposte a test e regolarsi al meglio di conseguenza. Più o meno come fanno le auto diesel fuorilegge di Volkswagen.

SAMSUNG SMENTISCE
Samsung si è affrettata a smentire, sostenendo che la funzione Motion lighting, che riduce la luminosità dello schermo (e dunque i consumi) non manipola i risultati dei test perché si attiva anche durante la normale visione, non solo durante le fasi di test. E con molti tipi di materiale video, dallo sport ai film, quando riconosce la riproduzione di sequenza in movimento veloce. ComplianTv sostiene, invece, che il software di gestione delle tv Samsung coinvolte sembra in grado di accorgersi quando lo schermo viene sottoposto a test e, di conseguenza, è in grado abbassare i consumi elettrici. Cosa che, invece, non accade quando la tv funziona normalmente.

Se pensate che le sole tv valgono, in Europa (così come negli Usa), circa il 10% dei consumi annuali di energia elettrica (valori che arrivano a lambire i 60 Terawatt/ora di elettricità all'anno), si capisce subito l'importanza di avere schermi efficienti dal punto di vista energetico per ridurre inquinamento ed effetto serra.

SMART TV TROPPO SMART
ComplianTv aveva anticipato già lo scorso febbraio, senza citare produttori, l'ipotesi che i software di controllo delle tv di ultima generazione fossero in grado di riconoscere quando gli schermi vengono sottoposti a test e, dunque, sapessero regolarsi di conseguenza. D'altro canto le sequenze video usate durante i test sono standard, e definite dagli esperti della Commissione elettrotecnica internazionale.

Come nel caso dei motori diesel fuori norma, anche per il possibile "tvgate" un portavoce della Commissione europea, interpellato dal quotidiano britannico TheGuardian, ha dichiarato che indagherà e che renderà più efficaci le norme che, già oggi, dovrebbero impedire ai produttori di usare sistemi in grado di far meglio figurare i loro prodotti durante i test ma non altrettanto nell'uso reale di tutti i giorni.

Rudolf Heinz, responsabile dei laboratori di test di ComplianTv ha dichiarato al Guardian che «Samsung rispetta la lettera delle norme ma non lo spirito». La qual cosa significa che, anche se la furbata del software fosse vera, Samsung non sta operando illegalmente.

In ogni caso, mentre aspettiamo che l'Unione europea si muova, è ancora la tecnologia a dare una mano alla faccia green del nostro pianeta: secondo una ricerca fatta da Displaymate Technologies Corporation uno dei maggiori produttori di strumenti di calibrazione e diagnostica per i display, i nuovi schermi oled, confrontati con lcd di pari gamma consumano, con i film, fino al 30% di energia in meno.

CHI È COMPLIANTV
ComplianTv è un organismo internazionale regolato dall'Unione Europea che riunisce 10 diverse organizzazioni (tre di queste sono laboratori di test) con l'obiettivo di verificare la reale corrispondenza delle tv alle nuove norme di consumo energetico e di progettazione ecologica (Ecodesign). Mano a mano che ComplianTv effettua le sue verifiche mette a disposizione il database con i risultati alle autorità di sorveglianza del mercato, ai laboratori di test, ai costruttori, ai rivenditori e anche dei consumatori.

 

(2 ottobre 2015)