TEST | Pure Jongo T2X: audio multiroom, stereo e hifi

La prova di Pure Jongo T2X, l'altoparlante senza fili low cost che permette di attivare facilmente un sistema audio multiroom stereo e hi-fi grazie alla nuovissima tecnologia Caskeid, che sfrutta un normale router wifi

jongo tx2 ice

Il Pure Jongo T2X è un piccolo sistema audio wifi & bluetooh con amplificatore da 10+10 Watt incorporato. Il risultato della nostra prova è subito detto: funziona molto bene. Il perché ha una marcia in più, però, richiede qualche spiegazione. Jongo T2X sembra una sound station wireless come altre, se non fosse per una particolarità: sfrutta il sistema di trasmissione senza fili e multiroom Caskeid.

È un sistema sviluppato completamente dall'inglese Imagination Technologies ed è piuttosto innovativo. Infatti sfrutta una qualunque rete domestica wifi ma, ecco il suo punto di forza, senza i classici inconvenienti di prestazioni di questo tipo di collegamento. In particolare nella trasmissione dell'audio stereo o surround, dove la sincronizzazione tra i due canali si mantiene sotto la soglia percepibile.

LA TECNOLOGIA CASKEID

La tecnologia Imagination Caskeid sincronizza il flusso stereo a 20 milionesimi di secondo, ossia quasi 3 volte sotto alla soglia udibile (che è di circa 50 milionesimi di secondo), stracciando in velocità tutta la concorrenza, compresa quella di blasonati specialisti del multiroom. Quello della sincronizzazione è infatti il maggior problema dei sistemi audio wireless stereo multiroom. Ed è così complesso da eliminare che non è così raro avere problemi di eco tra le varie stanze anche con impianti costosi.

Nel video che segue mostriamo una breve presentazione di come funziona Caskeid

 

Caskeid è studiata per ricevere la musica da qualunque servizio streaming, come per esempio Spotify e Pandora (è anche compatibile bluetooth) ma, soprattutto, dialoga con Pure Connect, il servizio di musica in streaming di Pure. Oltre, naturalmente, che con quella archiviata nel proprio smartphone, tablet o pc. Abbiamo provato Caskeid a fondo.

LA PROVA

Jongo T2X funziona con qualunque normale router wifi, non ha bisogno di accessori optional e, la maggior parte delle volte, di noiosi settaggi manuali. E funziona bene nonostante sia un prodotto entry level (il prezzo suggerito del T2X è di 149,99 euro, online lo si trova anche attorno ai 100).

Come prima cosa abbiamo scaricato l'app Jongo Connect sull'iPad e la abbiamo configurata. La procedure è semplice e non richiede particolari commenti. Se non per il fatto che, con il nostro router Netgear dual N band, il sistema di riconoscimento automatico della rete non ha funzionato. Così abbiamo disattivato la rete a 5 GHz e fatto l'accoppiamento del Jongo T2X su quella a 2,4 GHz (la sezione faq dell'app è ben fatta e ci ha aiutato in quest'operazione).

jongo tx2 black

Una volta superato questo piccolo scoglio il resto del setup è stato facile. Anche l'accoppiamento stereo di due Jongo T2X non ha riservato sorprese e la procedura guidata è andata a buon fine: la cosa più complicata è stata scegliere quale fosse il canale destro e quale il sinistro toccando l'icona nell'app. Per la prima tornata di prova abbiamo disposto la coppia di T2X in un locale separato dal trasmettitore wireless da due pareti: tutto ok.

Poi abbiamo portato i due altoparlanti al piano di sotto dell'appartamento e, anche in questo caso, il cemento del pavimento non ha influito sulla riproduzione. Poiché avevamo a disposizione due Jongo abbiamo provato anche la configurazione multiroom. In questo caso abbiamo sfruttato la funzione Bluetooth Caskeid. Grazie a una combinazione dei segnali bluetooth e wifi gestita da Caskeid, l'app musicale scelta (noi abbiamo usato Spotify) ha trasmesso la musica, in streaming, a tutti gli altoparlanti Jongo collegati e, anche in questo caso, senza alcun problema di sincronizzazione audio.

IL PARERE DI THE DIGEON

Caskeid, di Imagination Technologies è un sistema wireless potente e capace di risolvere davvero il problema numero uno dell'audio multiroom: la sincronizzazione stereo tra gli altoparlanti o tra altoparlanti messi in stanze diverse. Ed è un sistema intelligente perché non solo l'app ma anche gli altoparlanti sono aggiornabili, la qual cosa non solo contribuisce a mantenerli giovani nel tempo ma, soprattutto, è il segreto del sistema. Infatti, le informazioni di tenuta in fase dei due canali stereo vengono sì codificate dall'app Pure Connect, ma è grazie al circuito logico contenuto nell'altoparlante che vengono decodificate e applicate per mantenere la sincronizzazione audio: cosa impossibile per i classici sistemi wireless wifi. Nei test di TheDigeon non abbiamo misurato la sincronizzazione in modo strumentale ma, al nostro orecchio, non abbiamo mai rilevato problemi di sfasamento.

jongo tx2 white

Nemmeno ascoltando attentamente, dalla libreria di Pure Connect, alcuni brani d'antan dei Beatles. Quelli, per intenderci, in cui la separazione stereo è stata fatta con l'accetta. Pollice in su anche con qualcosa di più difficile: la versione live di Hotel California degli Eagles.

La separazione stereo fornita dal Jongo T2X è stata esattamente quella che abbiamo sempre ascoltato. Anche quando, a partire da 4' e 33”, le due meravigliose chitarre di Glenn Frey e Don Felder cominciano a inseguirsi sui due canali e la batteria di Don Henley tiene tutto assieme con i tamburi che rullano a destra e a sinistra. Tra i quattro modelli della serie X di Pure il Jongo T2X è l'entry level ma dotato di una certa personalità. I suoi 20 watt di potenza Rms sono adeguati per un locale di normali dimensioni, anche nel caso di una festa tra amici e specialmente nell'uso di una coppia stereo. La fedeltà sonora non è male e, regolando al meglio le impostazioni, si ottiene un suono piacevole e soddisfacente.

L'abbonamento a Pure Connect, il servizio di musica in streaming da cui siamo partiti per il nostro test offre due diversi tipi d abbonamento: Blu (4,99 €/mese) per lo streaming illimitato da una libreria di 15 milioni di brani e Viola (9,99 €/mese) con, in più, anche la possibilità di scaricare le canzoni e di ascoltarle offline. L'accesso Verde, infine, permette di usare Pure Connect gratis per distribuire wireless le canzoni archiviate nel proprio hard disk, smartphone o tablet.

On line è in offerta a 130 euro.

(12 marzo 2015)