Dall’Epfl il circuito elettronico elastico

Una pellicola sottile alcuni nanometri, consente di realizzare circuiti elettronici elastici che riescono ad allungarsi in tutte le direzioni fino a 4 volte la loro lunghezza, senza perdere le proprietà di conducibilità elettrica. La scoperta dei ricercatori del Politecnico di Losanna potrebbe rivoluzionare il settore della tecnologia indossabile e non solo. Tutti i dettagli

Flessibile come la gomma, estensibile in tutte le direzioni (e per milioni di volte) fino a 4 volte la sua lunghezza e conduttore di elettricità: i ricercatori dell’École polytechnique fédérale di Losanna (EPFL), in Svizzera, sono riusciti a realizzare un materiale, in parte metallico e in parte liquido, ultra sottile e molto elastico, che potrebbe rinnovare completamente il comparto dei dispositivi tecnologici indossabili e non solo.

La pellicola, infatti, segue perfettamente la forma e i movimenti del corpo umano e potrebbe diventare protagonista di nuovi accessori dotati di sensori, per mantenere sotto controllo specifiche funzioni del corpo umano. Magari sotto forma di guanti o, più semplicemente, di "adesivi" da applicare sulla pelle. Senza contare ulteriori applicazioni nel campo della  come la pelle artificiale, delle protesi e nei vari settori della robotica.

Il circuito elettronico elastico dal team dell’Epfl è stato ottenuto versando dei metalli liquidi su una pellicola a base di polimeri e procedendo via via per tentativi, allo scopo di verificare quali potessero andare e quali no. A causa della grande tensione di superficie di alcuni metalli liquidi, infatti, gli esperimenti  hanno dimostrato che, in molti casi, il materiale che si raggiunge è troppo spesso. Grazie al metodo di deposizione e strutturazione che il team ha sviluppato, invece, i ricercatori hanno dimostrato che, usando lega d’oro e gallio, si riesce a produrre un materiale con connessioni elastiche con buone proprietà elettriche ma anche e sottili solo alcuni nanometri.

Sotto il video dei risultati ottenuti