Google si dà alla domotica e compra... Nest!

Big G acquista Nest Labs, un'azienda americana che sviluppa dispositivi smart per la casa, semplici da utilizzare e gestire via smartphone e tablet

Prosegue lo shopping di Google: dopo essersi lanciato nella wearable technology e nella robotica, con l’imponente acquisto di Boston Dynamics, è la volta della domotica. Per 3,2 miliardi di dollari, Big G si è accaparrato Nest Labs, una società americana creata da Tony Fadell, un ex ingegnere di Apple, che produce dispositivi tecnologici per la casa. Di Nets Labs, per esempio, è Thermostat, un termostato intelligente che si gestisce tramite iPhone e che ha riscosso un notevole successo negli States. Non è infatti una casualità che il design ricordi per certi versi un iPod, dispositivo al cui sviluppo ha partecipato lo stesso Farrell, quando ancora dipendente di Cupertino.

Lo scorso ottobre, invece, l’azienda ha presentato Nest Protect, un congegno elettronico che dà l’allarme in caso di fumo o fuga di monossido di carbonio in casa. Il dispositivo vocale avvisa dov'è il pericolo e qual è il problema rilevato, interagendo anche con i dispositivi mobili quali smartphone e tablet.

Per il perfezionamento dell’accordo, Google è in attesa del consenso delle autorità antitrust. Secondo fonti ufficiali, però, non ci dovrebbero essere problemi e presto le due aziende inizieranno a collaborare fattivamente. Ci attende un domani in cui gli indumenti intelligenti griffati Google ci chiameranno per nome dall’armadio, dopo essere stati stirati da un robot di Big G, a sua volta controllato da un sistema domotico, ça va sans dire, a marchio Mountain View?