La lampadina intelligente che ti guida a fare la spesa

L'era del gps sta finendo: lo sostengono Philips e Apple. La prima con le nuove lampadine intelligenti che parlano con gli smartphone. La seconda con la propria tecnologia iBeacon

A Dusseldorf, in Germania, Philips sta conducendo un interessante esperimento: in un supermercato ha installato un sistema composto da una griglia di lampade led intelligenti in grado di comunicare la propria posizione, via bluetooth, agli smartphone che si trovano nelle vicinanze.

Lo scopo è di aiutare il pubblico a trovare le merci negli innumerevoli scaffali dei grandi centri commerciali. È sufficiente scrivere la lista della spesa nell'apposita app e, mentre ci si muove tra le corsie, lo smartphone riceve il segnale dalle lampade intelligenti di Philips poste nella zona al di sopra del prodotto che interessa. Contemporaneamente, sul display appare la mappa che ci guida tra gli scaffali.

Sfruttando il bluetooth, il cellulare è in grado di capire quando ci si avvicina al prodotto che si cerca e a che distanza ci si trova. Così, al momento giusto, la lampada posta sopra lo scaffale con il prodotto si accende per indicarlo a colpo sicuro.

In questo modo si può ottimizzare il percorso, risparmiare tempo e, soprattutto, trovare al volo ciò che si desidera.

La tecnologia si compone di due parti fondamentali. La prima è una serie di lampade intelligenti dotate di una specie di “radiofaro” (un trasmettitore a bassa potenza), disposte in modo da formare una griglia che copre tutto il supermercato. La seconda parte è uno smartphone capace di riceverne il segnale grazie alla tecnologia Apple iBeacon, di serie con iOs 7.

Siccome il sistema conosce la posizione dell'acquirente, può anche essere utilizzato per spedire allo smartphone buoni sconto, offerte promozionali relative ai prodotti nelle vicinanze e perfino suggerimenti di prodotti da abbinare a quelli appena messi nel carrello.

Philips non ha comunicato i piani di sviluppo di questa tecnologia né ha rivelato i costi. Tuttavia, sostiene un portavoce, il fatto che i radiofari si trovino all'interno delle lampade fa sì che non siano necessari grandi investimenti per creare queste nuove infrastrutture tecnologiche.

Vedremo nei prossimi mesi se l'idea avrà successo. Negli Usa, alcune grandi catene di vendita al dettaglio hanno già drizzato le antenne, interessate come sono a scoprire tutto sui propri clienti: da cosa acquistano a quanto tempo passano in negozio. Per poter vendere sempre di più, forse, d'ora in poi analizzeranno anche quanti passi (e in quali corsie) gli acquirenti fanno all'interno del supermercato.

Cliccate sul link che segue per vedere un'infografica di come funziona il sistema di lampade intelligenti Philips.