Domotica | SismAlarm avvisa se arriva il terremoto

Un dispositivo per la casa intercetta le onde sismiche primarie e lancia l'allarme terremoto. Si chiama SismAlarm, è italiano e costa anche poco

E' appena stato presentato, non abbiamo avuto ancora modo di testarne la validità e non sappiamo, dunque, se mantiene ciò che promette. Il suo nome è SismAlarm e, data la sua unicità, vale comunque la pena di parlarne. Realizzato dall'azienda italiana Guardian, si tratta di un dispositivo per la casa che rilevare le onde sismiche primarie, le stesse che annunciano e precedono l'onda distruttiva dei terremoti, e lancia un allarme acustico e visivo. <<Come è noto>>, spiega l'azienda, <<non è possibile prevedere con certezza dove, quando e con quale intensità si verifichi un evento sismico, ma cautelarsi è possibile. L’energia dei terremoti, infatti, si libera in profondità attraverso onde sismiche che precedono quelle distruttive e che, opportunamente rilevate, avvertono dell’emergenza>>. Dotato di sensori interni, SismAlarm si occupa proprio d'intercettare queste onde. Tarato sulla soglia minima di 3.0-3.2 della scala Richter, ossia su quelle onde già avvertite dagli uomini ma non ancora pericolose, provvede ad avvisare gli abitanti della casa con un alert la cui intensità è direttamente proporzionale a quella del terremoto. <<Una volta scattato l’allarme>>, dice Maurizio Taormina, fondatore di Guardian, <<le persone hanno così il tempo necessario per evacuare l’edificio o mettersi al riparo da eventuali crolli. Si tratta di pochi attimi ma, in caso di eventi sismici, possono fare la differenza tra salvarsi oppure no>>. SismAlarm dispone di un sistema di riconoscimento e segnalazione sonora e visiva a led dell'onda primaria, del riconoscimento e segnalazione sonora e visiva della modifica della stabilità strutturale dell'edificio dopo l'evento sismico e di un algoritmo per l'ottimizzazione dei consumi. Funziona con una batteria da 9 V e si può acquistare nei negozi di elettronica a un prezzo di 99 euro.