A pedali o a motore, i nuovi mezzi per andare in mare

Addio vecchio pedalò: il più moderno concorrente si chiama Chilli Island  e si presenta come un incrocio tra una comoda poltrona per due persone e un’isoletta artificiale. Prodotta dall’austriaca Chilli Islands Gmbh, si tratta di una sorta di piccola imbarcazione, in grado di ospitare comodamente due persone per starsene pigramente al largo (non troppo al largo) a prendere il sole o fare brevi gite in mare.

Grande 2,5 x 2,25 m per 200 kg di peso, e dotata di finte foglie di palma fluorescenti a mo’ di tendalino, con sistema di ombreggiatura regolabile, la poltrona galleggiante dispone di motore elettrico Torqeedo da 0,5 e 1 kW (la coppia di batterie offre un’autonomia fino a 6 ore), e si pilota facilmente tramite joystick.

Chilli ha il corpo realizzato in polietilene su un telaio in fibra di vetro e accoglie i passeggeri su sedie ergonomiche che, all’occorrenza, fanno anche da scivolo per tuffarsi in acqua. Oltre alla pratica maniglia per risalire a bordo senza problemi, il singolare natante dispone di vari comfort: un sistema di raffreddamento delle bottiglie in modo siano sempre belle fredde e un sistema audio bluetooth a due altoparlanti fino a 80 watt di potenza audio, che fornisce anche informazioni sul livello delle batterie, la velocità e la posizione del motore.

Quanto al prezzo, il modello base con motore da 0,5 kW costa 9.985 euro.

JETCAPSULEPAGE.jpgE’ italiano invece Jet Capsule, un mini yacht (davvero mini) che sfreccia letteralmente sulle acque. Realizzato a Napoli, una prima versione è stata prodotta nel 2013 ed ora, a distanza di tre anni, è stata annunciato il modello 2016.

Jet_Capsule_2.jpgLungo 7,6 metri, largo 3,5 metri e alto 2,3 metri, il nuovo Jet Capsule, dispone di una terrazza sul tetto per i momenti di relax dei passeggeri, mentre all’interno ospita la plancia di comando e i controlli con vista posteriore, le fotocamere subacquee, l’aria condizionata, i posti a sedere, il tavoli e il bagno.

E’ possibile anche scegliere il tipo di motore - a benzina o diesel – con potenze totali  370 CV (276 kW) fino a 600 CV (447 kW e ).

Piccolo ma capiente, Jet Capsule può trasportare fino a 12 passeggeri più il comandante e raggiungere a pieno carico una velocità di 32 nodi, ossia 51 km/h.

Il prezzo non è sicuramente per tutti. Parliamo infatti di circa 150mila euro. Ma se consideriamo che uno yacht vero costa svariati milioni, sembra decisamente alla portata!

Sotto un breve video del nuovo Jet Capsule design Lazzarini

Amanti del suo sup buttate il remo. C’è, infatti, chi ha pensato di dotare la tavolona galleggiante di…pedali e manubrio!

Eclipse-studio-3quarter-10-.jpgIl natante di chiama Mirage Eclipse Stand Up Pedal e si guida in piedi. In pratica si naviga pedalando (cosa che, a ben pensarci, rassoda anche i glutei!) e muovendo così avanti e indietro un paio di pinne poste sotto la tavola.

Eclipse-action-girls-dog-ba.jpgDisponibile in due versioni da 3,2 e 3,7 metri, il corpo di Eclipse è realizzato in composito di resina epossidica, mentre il manubrio è in lega di alluminio, regolabile tra 91 e 109 cm. Il fondo piatto della tavola gli conferisce una grande stabilità e, con mare calmo, come vediamo in foto, è possibile anche farsi accompagnare nelle gite dal proprio cane.

A pedalata terminata, poi, lo si riporta in secca con estrema facilità, visto che pesa solo 24,5 kg. Il prezzo è di circa 2.500 euro.

Sotto il video dimostrativo

 

Leggi anche: "Dedave, il sottomarino alla portata di tutti"