iPal, il bambino robot che vive in casa

Un umanoide realizzato per vivere a contatto con i bambini in casa, punta a introdurre i social robot nella quotidianità. Si chiama iPal ed è…impressionante! Tutti i dettagli

Vive in casa con i bimbi, ci gioca, gli scatta foto per controllare la loro crescita, gli racconta le favole, balla insieme a loro e, poi, prova ad essere un fratellino (o una sorellina) robot per i più piccoli. Il suo nome è iPal ed è un androide sviluppato dall’azienda Avatar Mind .

Realizzato in due versioni, maschio e femmina, iPal è alto quanto un bambino di 6 anni (e come lui si muove), e dispone di ben 23 motori dislocati nel collo, nelle braccia, nelle dita e nei polsi. Un tablet integrato nel torso consente di eseguire applicazioni Android, oltre a video chat, video (anche da condividere), foto, social media  ecc.

Ma non è tutto, perché il piccolo iPal non vuole essere solo un compagno per i bimbi ma anche un affidabile controllore per conto dei genitori. Gli adulti, infatti, dal loro smartphone o pc portatile, possono monitorare a distanza cosa avviene in loro assenza, attraverso la cam integrata nel robot. E, grazie al microfono, possono anche comunicare in video con la prole, ovunque si trovino. E’ sufficiente, poi, che il piccolo chiami la mamma perché questa venga avvisata con un alert sullo smartphone e possa mettersi in contatto, tramite iPal, con lui.

Inoltre l’sdk consente anche agli insegnanti di sviluppare applicazioni e contenuti didattici adatti all’infanzia.

Oltre che "fratellino/sorellina", iPal punta anche a fare da nipote per i nonni. Nel prossimo futuro, infatti, sono previste versioni del robot appositamente sviluppate per l’assistenza agli anziani.

Sotto un video uficiale di iPal