Stan, il robot che lavora come parcheggiatore

È già all’opera all’aeroporto Charles de Gaulle di Parigi e promette di far risparmiare tempo e fatica ai viaggiatori. Ecco cosa fa e come funziona in un video

A nessuno di noi piace perdere tempo, soprattutto se siamo in partenza e temiamo di perdere il volo aereo. Normalmente, però, se ci si reca in aeroporto con la propria automobile, occorre calcolare in anticipo anche i minuti che ci occorreranno per lasciare l’auto al parcheggio e correre al check-in. Ora fortunatamente un nuovo robot promette di risolvere almeno questo problema.

Progettato e sviluppato dalla francese Stanley Robotics, il  suo nome è Stan e, al momento, ha già preso servizio presso l'aeroporto Charles de Gaulle di Parigi.

Stanley-Robotics-ADP-2017-R_0.jpgPer avvalersi dei suoi servigi, basta prenotare il proprio posto auto, recarsi il giorno della partenza al box informatizzato, entrarvi, chiudere l’auto e proseguire a piedi al check-in. Non serve lasciare le chiavi, perché nessuno entrerà nella nostra vettura, facendoci preoccupare dell’eventuale furto dei nostri effetti o che qualcuno si faccia i fatti nostri.

Stan, infatti, provvederà autonomamente a ritirare l’auto, caricandola sul proprio carrello e depositandola nel posto assegnatole dal sistema computerizzato del parcheggio. Aspetto che garantisce anche una migliore e più razionale organizzazione degli spazi auto.

Al nostro ritorno, grazie al fatto che i dettagli del volo sono memorizzati nel sistema informatico, Stan provvederà anche a farci ritrovare l’auto pronta per il ritiro al box in cui l’abbiamo lasciata. Un sistema discreto, rapido ed efficiente!

Sotto il video di Stan all’opera