Nuovo MiniMission, il robot che provvede ai prati

Arriva il nuovo robot rasaerba per i prati fino a 800mq. Prodotto da Neumann è stato migliorato in quanto a performance e potenza. Tutti i dettagli

Con l’arrivo della primavera tutto si rinnova: l’erba dei prati inizia a crescere rigogliosa e anche i robot destinati a tenerla a bada fanno il restyle!

Un processo a cui non è sfuggito MiniMission, un robot rasaerba proposto ora sul mercato in una nuova versione (di quella precedente potete leggere su “MiniMission, missione prato perfetto”).

Identico nelle funzionalità, il modello odierno è stato potenziato in quanto a design e caratteristiche tecniche: destinato all’impiego di spazi outdoor fino a 800 metri, sulla parte superiore integra il tasto per lo stop di emergenza e il display di programmazione.

Le ruote posteriori, cui è affidata la trazione del robot, sono state studiate per garantire un maggiore aderenza al terreno e superare anche superfici sconnesse e pendenze fino al 40%.

Pesante il 12% in più rispetto al fratello maggiore, il rasaerba ora esprime una potenza superiore del 25%, migliorando le prestazioni nelle situazioni più complesse e impervie.

La novità più rilevante è il nuovo sistema a doppio sensore per la rilevazione del perimetro, che rende MiniMission più agile ed efficiente, ottimizza il tempo di taglio e consente un maggior controllo del posizionamento della macchina rispetto alla base di carica.

MiniMission permette la gestione fino a quattro aree di lavoro, sempre con il ritorno alla base per la ricarica, e il timer è programmabile sui giorni della settimana.

Sotto il profilo meccanico, sono stati migliorati i motori brushless (senza spazzole) a bassa rumorosità ed è stato introdotto il sistema automatico per il taglio bordo, dotato di sensore di sollevamento che blocca la lama in meno di due secondi.

MiniMission non viene venduto nei negozi ma attraverso una rete di consulenti dedicati a un prezzo non ancora ufficializzato (anche se c’è da aspettarsi una cifra almeno intorno ai 2000/2500 euro).

 

(14 aprile 2016)