Roam-e, il drone per i selfie e riconoscimento facciale

Roam-e è un nuovo drone per farsi selfie aerei perfetti. In più ha il riconoscimento facciale. Ecco come funziona

Ha la forma cilindrica e un diametro di 75 mm: Roam-e di IoT Group è un nuovo drone per i selfie, che si va ad aggiungere ai modelli che abbiamo già imparato a conoscere, come Lily, Fleye e, prima ancora, Zano (ma in quel caso sappiamo già come è andata a finire!)

Molto simile a Sprite in quanto a design e portabilità, è dotato di eliche pieghevoli che consentono di riporlo in una borsa dopo l’uso.

Pesa circa 500 grammi, ha un’autonomia di volo di 20 minuti e funziona mediante batterie ricaricabili (tempo dichiarato per la ricarica circa 2 ore).

IoT-group-ROAM-e.jpgRoam-e è essenzialmente un drone per i selfie.  Una volta accoppiato a uno smartphone iOS o Android, infatti, basta lanciarlo in aria e il drone inizia a volare, seguendo il proprietario fino a 25 metri di distanza, senza mai perderlo di vista grazie a un software per il riconoscimento facciale (previamente eseguito via telefono) e alla funzione "Follow me" (seguimi). A quel punto scatta foto e registra video.

La fotocamera ha un sensore cmos con una risoluzione di 5 megapixel ed è in grado di registrare video a 360° da  guardare sul display dello smartphone (ancora non sono stati resi noti i dati della risoluzione).

Il prezzo è di 349 dollari, circa 305 euro. Si può acquistare on line e la consegna necessita di 12 settimane di attesa.

(4 aprile 2016)