In Olanda la polizia invia le aquile a caccia di droni!

La polizia olandese sta sperimentando l’uso di aquile appositamente addestrate per  abbattere i droni utilizzati in modo non corretto. Tutti i dettagli

Se i droni occupano lo spazio vitale di molti uccelli è proprio agli uccelli che la polizia olandese ha deciso di fornire un’ottima occasione di vendetta!

Il boom dei droni, infatti, sta creando non pochi problemi: non solo ai volatili ma anche alle persone. Certo parliamo di droni "abusivi" ossia utilizzati in modo non corretto, magari in aree altamente frequentate, all’interno delle quali, di  norma non è autorizzato il loro utilizzo.

Per cercare di risolvere il problema dei droni molesti, sia per la natura, che per le persone e la loro privacy, la polizia olandese ha dunque escogitato un sistema alquanto singolare: addestrare le aquile a intercettare, catturare o abbattere i droni di dimensioni contenute, ossia quelli che non mettono in pericolo l’incolumità degli uccelli.

Perché proprio le aquile? E’ presto detto: per loro natura questi rapaci  sono inclini a catture le proprie prede a mezz’aria, proprio dove volano i piccoli droni. Va da sé che, la parte più difficile dell’addestramento, è riuscire a far identificare all’aquila il drone nemico.

Secondo la polizia olandese, una volta che il rapace afferra con i propri artigli il drone, può portarlo in tutta sicurezza in una zona dove può rilasciarlo senza creare danni alle persone. Un sistema molto più sicuro di quello attualmente allo studio, che punta a debellare il problema dei droni molesti, intervenendo elettronicamente sul segnale tra pilota e drone, bloccandolo. Una mossa di per sé pericolosa, in quanto,  in assenza di segnale che li governino, i drone potrebbero precipiterebbe al suolo, con grave rischio per l’incolumità di chiunque si trovi nel cono di caduta.

La sperimentazione della polizia olandese dovrebbe durare ancora qualche mese. Solo al termine verrà presa una decisione se utilizzare le aquile per dare la caccia ai droni "fuorilegge".

Sotto un video dimostrativo. Il video che segue è in olandese ma potete attivare la traduzione in italiano: cliccate sull'ingranaggio, poi scegliete il menu sottotitoli e poi su traduzione automatica. Dalla lista che appare scegliete la lingua italiana. La traduzione sarà imperfetta, ma sufficiente a capire il contenuto del video.

LEGGI ANCHE: In aiuto dei piccoli cerbiatti arrivano i droni