Stonex STX Ultra, dual sim made in Italy

Nonostante il mercato della telefonia sia saturo di aziende asiatiche, Ngm non è l’unica azienda italiana che punta a consolidare il suo posto al sole. A farsi largo c’è anche Stonex con il suo prodotto di punta Stx Ultra e una campagna pubblicitaria singolare

Negli ultimi anni Ngm ha dimostrato che anche un’azienda italiana può buttarsi nell’agguerrita arena degli smartphone, dominata per lo più da big dell’elettronica come Samsung, Apple e Nokia. Ma Ngm, che disegna e progetta i propri cellulari entro i confini nazionali e poi li fa assemblare in impianti dislocati in Oriente, non è la sola realtà made in Italy del settore. A fare parte della telefonia mobile nostrana è anche Stonex, azienda in ascesa che occupa circa 250 dipendenti e nel 2013 ha fatturato 40 milioni di euro, con una crescita del 300% rispetto allo scorso anno. Il messaggio su cui Stonex punta è tecnologia e design, cura dei particolari e delle forme. Un pensiero che si riflette nella sua gamma di telefoni, in particolare sul modello top, lo smartphone Stx Ultra. Sistema operativo Android 4.2.1 Jelly Bean, Stx Ultra è un dual-sim con ampio display da 5 pollici e risoluzione hd. Processore MediaTek quad-core da 1,2GHz, integra 1GB di ram, 4GB di memoria per applicazioni, foto e video, espandibile con una scheda MicroSd (nella confezione di vendita ne viene fornita una da 8GB), una fotocamera posteriore da 8 megapixel e una frontale da 2 megapixel. Prezzo ufficiale di 299 euro, concludono la dotazione le connessioni hspa+ e wi-fi, il gps e una batteria da 2.000 mAh. Chissà se il tutto sarà sufficiente a convincere il sindaco di Firenze, Matteo Renzi, a dotarsi di un esemplare, rispondendo così all’invito rivoltogli dall’azienda attraverso una campagna pubblicitaria appena iniziata con una maxi affissione sul Lungarno