MWC2018 | Arrivano Samsung S9 e Samsung S9+

Apre domattina a Barcellona l'edizione 2018 del Mobile World Congress, la più importante manifestazione internazionale dedicata alla tcnologia mobile. Tra le star in anteprima ecco un peso massimo: il nuovo Samsung Galaxy S9 (e il quasi gemello un po' più grande S9+)

Partiamo dalle cose che non cambiamo: il nuovo Samsung Galaxy S9 ha lo stesso design dell'attuale S8, ma punta su una fotocamera più evoluta e, come l'arci-avversario Apple con i suoi iPhone 8/iPhone X, punta su un'accoppiata di quasi gemelli: S9/S9 Plus.

Diciamolo subito: chi si aspettava novità mirabolanti probabilmente resterà deluso. Non bastano i facili slogan del marketing (“una fotocamera reinventata”) per cambiare pianeta. È sicuro, tuttavia, che gli ingegneri coreani ce l'hanno messa tutta per fare un passo avanti, soprattutto nell'esperienza d'uso. E allora ecco che la fotocamera (da 12 Mpixel, da 8 Mpixel quella frontale) ha la funzione Super Low Light, che mette assieme una migliorata apertura focale delle lenti (dall'f/2.4 del Galaxy S8 all'f/1.5 del nuovo S9) e la capacità di fare foto multiple in sequenza (12 contro le 3 della generazione precedente) per poi comporre automaticamente un'immagine unica con, dice Samsung, un rumore digitale delle foto fatte in condizione di scarsa luce ridotto del 30%. Vedremo nelle prossime settimane l'effettiva efficacia del sistema, soprattutto con immagini in movimento e non statiche.

Samsung-Galaxy-S9-S9+_03.jpgUn'altra novità del Galaxy S8 è il super rallentatore, per filmare nitidamente clip di 6 secondi a 960 fps, per un effetto moviola ultra preciso. Terzo asso nella manica del nuovo arrivato è il sistema di emoticon personalizzate che ci assomigliano, come ha fatto Apple.

Più interessante, almeno in termini di prospettiva, è però l'intelligenza artificiale di cui è capace Bixby, l'assistente personale del Galaxy e che vuole insidiare Siri, Cortana e l'assistente di Google sfruttando la realtà aumentata e il deep learning, tecnologie che permettono al telefonino di capire meglio il mondo che gli sta intorno e, per esempio, riconoscere gli oggetti che vengono inquadrati. Oppure tradurre in tempo reale cartelli, menu e fare conversioni di valuta.

Il resto della dotazione vede un Infinity display più luminoso (super Amoled curvi rispettivamente da 5,8 e 6,2 pollici e con proporzioni 18,5:9). La possibilità di portare la memoria fino a 400 GB e un sistema di sicurezza, Knox 3.1, di nuova generazione, capace di riconoscimento facciale e anche dell'iride.

L'audio dei Galaxy S9 e S9+ è stato migliorato grazie alla collaborazione con lo specialista Akg (marchio europeo acquistato dalla Casa coreana) e al supporto Dolby Atmos. A questo proposito, francamente, stentiamo a capire il perché venga presentato con squilli di tromba un sistema di audio immersivo quando è noto che quasi pochissimi ascoltano la musica o guardano i film con gli altoparlanti attivati. Inoltre, a nostro parere, anche su telefonini al top la musica viene ascoltata con auricolari spesso mediocri. E per ascoltare i film in Dolby Atmos (Netflix ha in catalogo dalla scorsa estate alcuni titoli) serve quanto meno una cuffia surround.

I nuovi Samsung Galaxy S9 e S9+ dispongono ovviamente di connessione Lte e di ricarica veloce wireless. Saranno in vendita dal prossimo 16 marzo 2018 in tre colori (nero, blu e lilla) al prezzo consigliato di 899 e 999 euro. Chi prenoterà uno dei due nuovi telefoni entro il 15 marzo, avrà la possibilità di restituire il proprio telefonino e ottenere uno sconto che può arrivare fino a 450 euro, secondo il modello reso.