LG V20 | Arriva con Android 7.0 Nougat

Mancano poche settimane alla presentazione della nuova verisone di Android, la numero 7 Nougat. E a ruota è atteso uno dei primi smartphone che la adottano, il nuovo flaghisp di LG, il V20

Si chiamerà V20 e tra poche settimane, precisamente nei giorni dell'Ifa di Berlino (dal 2 al 7 settembre), verrà presentato come il nuovo top di gamma LG per gli smartphone. E uno dei primi ad adottare la nuova versione del sistema operativo di Google, Android 7.0 Nougat.

Bocche ancora cucite sulle caratteristiche hardware se si eccettua l'ammissione che, come il predecessore V10 (lo vediamo nella foto di apertura), anche il nuovo V20 avrà un secondo, piccolo schermo per mostrare le notifiche, oltre a una doppia fotocamera frontale.

Il grosso delle novità sarà affidato, comunque, alla potenza di Android 7.0, che porterà in primo piano una nuova serie di caratteristiche.

Per esempio la funzione split screen, per un vero supporto alle operazioni multitasking. A dirla tutta non si tratta di una novità assoluta visto che sia Samsung sia la stessa LG già hanno una simile funzione nei loro smartphone top. Ma con Android 7 questa caratteristica entra in tutti i modelli compatibili, facilitando la gestione e il vero multitasking delle app.

Sarà possibile fare un reply rapido ai messaggi ricevuti evitando, al contrario di come avviene adesso, di dover navigare tra varie finestre per aprire l'app e dare la propria risposta: basterà toccare il messaggio.

In tema di semplificazione, anche le notifiche riceveranno iuna bella sfoltita e verranno raggruppate per app, in modo da semplificarne la lettura e le gestione. E sarà aggiunta la possibilità di richiamare al volo la penultima app usata, senza doverla ricercare nella schermata che ne contiene l'icona. Inolte diventerà parte del sistema operativo l'utile funzione “chiudi tutto”, per ripulire la memoria del telefono chiudendo in un solo colpo tutte le app in backgrund.

Diventerà una funzione del sistema operativo anche il menu di impostazione veloce, quello che siamo abituati a far apparire trascinando il dito verso il basso partendo dal bordo superiore dello schermo (e che, finora, è stata una caratteristica creata indipendentemente dai produttori dei telefoni).

Sarà potenziata e migliorato l'uso delle realtà virtuale e reso più efficiente il sistema di risparmio energetico. Infine, Android 7.0 Nougat è già pronto per i prossimi display sensibili alla pressione: oltre al tocco con uno o più dita, la prossima generazione di display ci permetterà di interagire con smartphone e tablet anche premendo più o meno il dito sullo schermo.