Anteprima | Lo smartphone Jolla con Sailfish Os

Arriva in Italia Jolla, lo smartphone innovativo, facile da usare e con le cover intercambiabili che lo tengono sempre nuovo. Tutto merito di Sailfish Os, il suo sistema operativo open source. TheDigeon lo ha visto in anteprima. Ecco il report

Jolla con Sailfish Os

Il mercato della telefonia mobile è dominato da colossi. Eppure non tutti si rassegnano al conformismo dei tre grandi: è il caso della finlandese Jolla, che finalmente sbarca in Italia con il suo innovativo smartphone con sistema operativo open source Sailfish Os.
Creata nel 2011 da un gruppo di specialisti con un passato in Nokia, Jolla punta le sue carte sull'innovativo sistema operativo, che raccoglie l'eredità di Meego, sviluppato dalla casa finlandese ma che non ha mai avuto, da parte dei suoi stessi creatori, il supporto e la convinzione necessari.
Jolla con Sailfish Os


UNO SMARTPHONE DAVVERO FULL TOUCH
Lo smartphone Jolla è completamente privo di tasti, anche quelli virtuali che normalmente ci sono sugli altri telefoni (tranne quello laterale per l'accensione e il volume). Tutti i comandi sono a portata di dito, in una serie di touch e swipe che permettono di usarlo con una mano sola.
Per la prima volta, su uno smartphone, è possibile usare le cover rimovibili per aggiungere funzionalità e personalizzare il proprio Jolla. L'azienda chiama questa funzione “The other half”, l'altra metà.
Le cover Jolla (prezzi a partire da 29 euro) non sono semplici gadget colorati. Infatti sfruttano il sistema nfc e, ciascuna, ha peculiarità che aggiungono al telefono nuove funzioni e caratteristiche quali app, font, sfondi, suoni, profili utente e anche nuovo hardware. Esiste, per esempio, la cover con un display e-ink, sempre attivo per leggere al volo notifiche e messaggi, oppure quella speciale con gli “Angry Birds”.

Jolla con Sailfish Os

LA SFID DI SAILFISH OS
Le caratteristiche più originali di Jolla sono possibili grazie all'innovativo sistema operativo Sailfish Os. «È l'unica vera alternativa in un mercato come quello degli smartphone, attualmente dominato da Android e iOS», dichiara l'italiano Stefano Mosconi, Co-fondatore e Cto di Jolla. «L'assenza di un'alternativa agli attuali sistemi operativi ha portato ad una continua sfida sulle specifiche hardware, lasciando in secondo piano l'innovazione nel software. Jolla con il suo sistema operativo indipendente Sailfish OS sta riportando entusiasmo nel mondo degli smartphone».
Parole certamente condivisibili, che si traducono in una grande efficienza d'uso pur con una configurazione hardware di fascia media (Jolla sfrutta un chip dual core Snapdragon a 1,4 GHz con 1 GB di memoria ram). Non solo: diversamente dai comuni smartphone, Jolla è un vero multitasking, che permette visualizzare sullo schermo tutte le applicazioni in esecuzione senza doverle aprire e chiudere. Attualmente lo store Jolla dispone di qualche centinaio di applicazioni native Sailfish Os, ma è compatibile con le più comuni app Android (secondo il produttore, al momento, quasi 100 mila), cosa ne aumenta in modo esponenziale la versatilità.
Jolla con Sailfish Os

JOLLA E LA COMMUNITY
Nonostante sia appena arrivato nel nostro Paese, Jolla ha già una attiva community di fan, che lo supportano con iniziative e attività. Per esempio quella di insegnare a mettere il nuovo sistema operativo su altri smartphone.
Jolla con Sailfish Os è disponibile a 349 euro, distribuito da RCH Importazioni.

Clicca sul link per per vedere la fotogallery full hd con le specifiche tecniche del Jolla

(25 settembre 2014)