Sony RX100 VII | La fotocamera compatta che strizza l'occhio alle grandi

Con un sensore di immagine da 1 pollice cmos Exmor RS di nuova concezione da 20 Mpixel e processore di immagini Bionz X di ultima generazione, la nuova Sony RX100 VII si candida a portare nel segmento delle fotocamere compatte la potenza delle mirrorless. Vediamo in che modo

La nuova fotocamera compatta Sony RX100 VII sfrutta un sensore di immagine di nuova concezione cmos Exmor RS di tipo stacked, da 1 pollice con 20,1 Mpixel. Adotta chip di memoria dram e il processore di immagini Bionz X di ultima generazione. L'insieme di queste caratteristiche le permette di avere una velocità di azione simile a quella della top di gamma Sony α9. E non basta: fuoco ed esposizione sono calcolati fino al valore monstre di 60 volte al secondo, per avere scatti privi di interruzioni (ossia blackout-free, senza oscuramento del mirino elettronico) a 20 fps.
L'obiettivo è il classico e versatile zoom Zeiss Vario-Sonnar T* 24-200mm F2.8-4.5, adatto a un'ampia gamma di scenari e utenti, compresi i vlogger.

Sony-RX100-VII_02.jpg

Un autofocus super
L'RX100 VII adotta una autofocus a rilevamento di fase sul piano focale a 357 punti e con AF a rilevamento di contrasto a 425 punti. Inoltre, grazie a un controllo dell’obiettivo ottimizzato, l’AF da 0,02 secondi è, al momento, il più veloce al mondo. Nuovo, per questa classe di fotocamere è la funzione di “Scatto singolo in sequenza” in modalità Drive, per scatti ad alta velocità fino a 90 fps in formato JPEG/RAW grazie all’otturatore anti-distorsione. La modalità “Scatto singolo in sequenza” permette di inquadrare le azioni più veloci e immortalarle come con un solo scatto mentre in realtà la fotocamera realizza 7 foto, a 90 fps, 60 fps o 30 fps, permettendo all’utente di scegliere dopo il momento perfetto.

In più, per la prima volta una fotocamera compatta disponde delle funzionalità avanzate di “Real-time Tracking” e “Real-time Eye AF”. La prima utilizza l’algoritmo di ultima generazione di Sony, che include il riconoscimento degli oggetti basato sull’intelligenza artificiale. In questo modo i soggetti vengono catturati in modo accurato anche attraverso il touch panel dello schermo posteriore da 3 pollici ruotabile a 180 gradi. “Real time Eye AF”, l’ultima versione della tecnologia Eye AF di Sony, sfrutta il riconoscimento degli oggetti basato sull’intelligenza artificiale per rilevare ed elaborare i dati visivi in tempo reale sia per le persone sia per gli animali.

Sony-RX100-VII_03.jpg

La sezione video
La leggerezza e la compattezza dell'RX100 VII (pesa appena 302 grammi) permettono di portarla sempre con sé anche per filmare in alta qualità e in movimento. Le riprese video avvengono in 4K, con lettura completa dei pixel, zero binning e privi di rolling shutter, nel formato XAVC S a bit rate elevato. La tecnologia di Real-time Tracking e Real time Eye AF è attiva anche per video così come lo SteadyShot attivo 4K, che la casa certifica fino a otto volte più efficace dello SteadyShot standard 4K. Non le mancano la compatibilità con i formati Hybrid Log-Gamma (HDR) / S-Gamut3.Cine / S-Log3, S-Gamut3/S-Log3, lo scatto in time-lapse e le riprese in super slow motion fino a 1000 fps.
La nuova RX100 VII è ora disponibile al prezzo di 1.300 euro.