Sony RX100 VI | La compatta più veloce al mondo

Sony lancia la fotocamera compatta RX100 VI che mette assieme uno zoom 24-200 mm e il sistema Af più veloce al mondo nella categoria: 0,03 secondi per mettere a fuoco e scattare. Ecco la nuova arrivata nei dettagli

Sony annuncia un nuovo modello della serie di fotocamere compatte Cyber-shot RX100, l'RX100 VI. Si tratta della prima, tra i modelli RX100, con obiettivo super zoom, lo Zeiss Vario-Sonnar T 24-200 mmi F2,8 – F4,5, che rende questa fotocamera ottima per catturare paesaggi urbani, ritratti, eventi sportivi e anche natura.

L'RX100 VI ha un sistema AF ibrido molto efficiente, con 315 punti AF a rilevamento di fase sul sensore (una copertura di circa il 65% del sensore) in grado di mettere a fuoco in soli 0,03 secondi, caratteristica che ne fa l'AF più rapido al mondo tra le fotocamere con sensore da 1 pollice. Questa compatta può anche scattare fino a 24 fps a piena risoluzione con tracking AF/AE continuo.

RX100 VI ha un sensore di immagine CMOS Exmor RS “stacked” da 1 pollice e con 20,1 Mpixel, chip DRAM, un nuovo sistema di elaborazione BIONZ X e chip di acquisizione LSI che migliora la velocità di elaborazione e la qualità dell'immagine. 

L'obiettivo Zeiss Vario-Sonnar T 24-200 mmi F2,8 - F4,5 è usato per la prima volta nella serie RX100 di Sony. Offre l'escurisone di due classiche lenti (24-70 mm e 70-200 mm) in un unico design, reso possibile dal design con due elementi asferici in vetro ED (Extra-low Dispersion) e altri otto elementi asferici che includono quattro lenti AA (asferiche avanzate). Il nuovo obiettivo dell'RX100 VI ha la stabilizzazione dell'immagine Optical SteadyShot, equivalente a una velocità dell'otturatore maggiore di 4 stop, per evitare le sfocature alle velocità dell'otturatore inferiori in condizioni di scarsa illuminazione o quando si usa tutta la lunghezza del teleobiettivo.

Sony-RX100VI_03.jpg

L'RX100 VI include, per la prima volta nella serie RX100, anche la tecnologia AF con tracking ad alta densità di Sony, che concentra i punti dell’AF attorno al soggetto, per migliorare la precisione di messa a fuoco e il tracking. Vanta anche un display lcd con touch focus e il controllo dei punti di messa a fuoco con touchpad.

Funzionalità video in 4k hdr
La compatta RX100 VI ha varie funzionalità video. Per la prima volta in una fotocamera della gamma Cyber-shot, l'RX100 VI include la compatibilità 4k hdr grazie al nuovo profilo immagine HLG (Hybrid Log-Gamma). L'RX100 VI può effettuare riprese in super slow motion a 240 fps, 480 fps o 960 fps

Sony-RX100VI_05.jpg

Con il sistema AF ibrido i punti AF a rilevamento di fase sul piano focale offrono messa a fuoco e tracking precisi anche per le riprese video 4k. La velocità e la sensibilità del tracking AF possono essere regolate dal menu di sistema, per la massima flessibilità basata sulle preferenze di messa a fuoco dell'utente. In modalità 4k, l'RX100 VI offre la lettura completa dei pixel senza pixel binning, per catturare tutti i dettagli del 4k Ultra HD, con effetto moiré e a gradini ridotti al minimo.

L'uso
Per l'anteprima delle immagini e una realistica riproduzione delle immagini la nuova RX100 VI dispone di un mirino Tru-Finder XGA oled ad alto contrasto con 2,35 milioni di punti e rivestimento Zeiss T. Il mirino elettronico si ritrae all'interno del corpo della fotocamera, secondo le necessità dell'utente, e può essere attivato immediatamente grazie a un pulsante di accesso con un solo tocco.

Sony-RX100VI_02.jpg

Per la prima volta nella serie RX, con la RX100 VI è possibile scattare in modalità touch direttamente dal display lcd; è inoltre disponibile una leva di zoom con velocità personalizzabili e il display lcd può essere ruotato verso l'alto di 180° e verso il basso di 90°. La macchina dispone anche di una funzione di spegnimento automatico del monitor, che aumenta il numero di foto fino al 30% ed è compatibile con Wi-Fi, NFC e Bluetooth.

La nuova fotocamera compatta Cyber-shot RX100 VI di Sony sarà disponibile dal mese di giugno a un prezzo che non è ancora stato comunicato ufficilamente. Ma che potrebbe aggirarsi attorno ai 1.200 euro.