Nikon D6 | Svelata la nuova top di gamma

A 5 mesi dal primo annuncio, Nikon presenta la nuova ammiraglia delle sue reflex, la D6. Una fotocamera a pieno formato, Full Frame, per i professionisti che puntano alla qualità assoluta. Vediamo cosa offre di nuovo

La Nikon D6 è la nuova top di gamma della Casa giapponese, forte del sistema AF più potente che Nikon abbia mai progettato e di una serie di possibilità di connessione wireless e via cavo incorporate, per il trasferimento delle immagini in tempo reale.

Il sensore è un cmos a pieno formato da 20,8 Mpixel, servito dal processore di elaborazione delle immagini Expeed 6. Il sensore RGB ha 180.000 pixel e la gamma ISO va da 100 a 102.400, estendibile in basso e in alto fino a ISO 50 e a ISO 3.280.000.

Il sistema autofocus della Nikon D6 è sfrutta un processore dedicato e si affida a 105 punti AF, tutti a croce, selezionabili manualmente e ridisegnati rispetto a quelli della Nikon D5, per una copertura del soggetto 1,6 volte maggiore. Il risultato sono prestazioni superiori con i soggetti in movimento rapido e imprevedibile, anche in condizioni di luce molto critiche.

Tutti i punti AF del nuovo modulo Multi-CAM 37K della Nikon D6 sono operativi fino a -4 EV mentre il punto centrale, con una sensibilità di -4,5 EV, riesce a mettere a fuoco il soggetto quasi in assenza di luce.

La Nikon D6 dispone di 17 combinazioni di punti AF (Aree AF a gruppo), pensate per restituire i migliori risultati di messa a fuoco sia con i soggetti statici, sia nelle situazioni più complesse di fotografia in movimento. Le aree AF a gruppo possono essere spostate, senza modificarne il pattern, in orizzontale e in verticale agendo su un multi-selettore posteriore. In più è possibile fissare un punto AF in una zona dell’inquadratura (Nikon lo chiama AF starting point) durante le riprese nel modo Auto-area AF: non appena il soggetto in movimento attraversa quel punto è possibile ritrarlo automaticamente con la massima nitidezza. È anche possibile dare la priorità AF agli occhi e anche in fase di tracking 3D.

Le tecnologie di connessione incorporate nella fotocamera consentono di raggiungere le più alte velocità di trasferimento dati via cavo e wireless oggi disponibili (1000Base-T wired LAN, Wi-Fi e Bluetooth). Grazie alla possibilità di impostare filtri durante il transfer dei dati, i flussi workflow risultano più flessibili e semplificati.

La Nikon D6 scatta in sequenza alla massima risoluzione e con l’impressionante velocità di 14 fps (con AF/AE tracking), inoltre filma in 4K Ultra HD (3.840x2.160 pixel @30p/25p/24p) in modalità Live View permettendo l'inquadratura sul display posteriore touch da 3,2 pollici (2.359k pixel).

Il corpo macchina conserva gli stessi livelli di robustezza, impenetrabilità alla polvere e all'umidità della Nikon D5, dunque sopporta qualsiasi condizione ambientale. Il mirino ottico 0,72x dispone di elementi oled che danno una conferma visiva immediata sull’intero campo inquadrato, compresa quella relativa a rollio e beccheggio. La registrazione avviene su due tipi di memory card, in formato XQD e CFexpress, le più veloci oggi disponibili.

Nikon D6 sarà disponibile a partire dal prossimo mese di aprile a un prezzo al pubblico che, in Italia, non è ancora stato comunicato. Negli Usa si attesta, comunque, attorno ai 6mila euro (solo corpo).