Bookabook, il crowdfunding per i libri

Dal cassetto alla rete, per un libro inedito il passo può essere molto breve: grazie a Bookabook, infatti, i testi inediti possono essere finanziati direttamente dai lettori e diventare ebook in vendita. Ecco come funziona la prima piattaforma italiana di crowdfunding dedicata alla lettura

Una piattaforma di crowdfunding ma dedicata esclusivamente ai libri elettronici: questo, in sintesi, è Bookabook, un nuovo sito che propone il finanziamento di scritti inediti, meritori di pubblicazione. Ideato da Emanuela Furiosi e Tomaso Greco, gli agenti letterari Claire Sabatié-Garat e Marco Vigevani cureranno la selezione dei libri da proporre agli utenti, scelti tra quelli presentati sia da autori emergenti che affermati. Dal lato utente Bookabook funziona così: ogni mese la piattaforma presenta ai propri iscritti 3 nuovi libri di narrativa e saggistica in anteprima esclusiva. Se l’anteprima piace e il contenuto è interessante al punto da essere disposti a pagare qualcosa per sapere come va a finire, allora si può partecipare con un’offerta minima di 3 euro fino a un massimo di 1400 euro.

Se entro 30 giorni il libro raccoglie la somma prefissata, a seconda della cifra versata per sostenerlo, i sottoscrittori riceveranno l’ebook o altri premi. In caso contrario, ossia se l’inedito non raggiunge il suo budget, i soldi già offerti saranno restituiti ai partecipanti. Prima di cantare vittoria (o sconfitta), però, vengono fissati dei traguardi intermedi, grazie ai quali, di volta in volta, sarà possibile scaricare nuovi capitoli del libro elettronico. In ogni caso se si reputa che la storia valga davvero la pena, si può cercare di coinvolgere amici, parenti e conoscenti, condividendo la campagna di finanziamento sui social networks. Dal lato autori, invece, occorre presentare il proprio scritto direttamente al sito. Al momento, però, la stagione è completa e non resta che seguire il blog di Bookabook per essere aggiornati sulle prossime modalità di partecipazione. Se si ritiene che fare lo scrittore sia la missione della propria vita forse ne vale la pena: secondo gli organizzatori del sito, infatti, Bookabook corrisponde agli scrittori una percentuale molto più alta di quella che ricevono attarverso i canali tradizionali.