Sim addio, scatta l’ora delle eSim

Addio vecchia sim card! La nuova schedina telefonica ultraminiaturizzata collega direttamente alle reti 3G e 4G/Lte a seconda dell’operatore scelto: non andrà più cambiata quando si cambia gestore. Tutti i dettagli

Le sim, come siamo abituati a conoscerle, molto presto lasceranno il posto a una nuova generazione di schedine telefoniche chiamate eSim (electronic Sim) L’annuncio ufficiale arriva dritto dritto dal Gsma: l’organizzazione, che rappresenta i principali operatori telefonici mondiali e le aziende che producono dispositivi mobili, ha divulgato le specifiche tecniche della nuova eSim, già approvate da Samsung, LG e Huawei, insieme ai carrier telefonici At&t, Verizon  e Sprint.

In una prima fase le piccolissime (sono più piccole del 90% rispetto alle sim tradizionali) saranno integrate nei dispositivi destinate alla wearable tecnology, come smartwatch e prodotti per il fitness, per connetterli a internet tramite la rete 3G.

Entro giugno, invece, partirà la seconda fase. In quel mese, infatti, il Gsma renderà pubbliche le specifiche tecniche per le eSim destinate agli smartphone che, probabilmente, saranno compatibili anche con le reti 4G/Lte.

Le eSim integrate nei dispositivi saranno uniche per tutti gli operatori e produttori di dispositivi e la loro attivazione verrà effettuata da remoto, risolvendo quindi anche il problema della sostituzione della di sim ogni qualvolta si cambia l’operatore telefonico.  

Il primo produttore a utilizzare le sim del futuro in un proprio dispositivo sarà Samsung, che ha annunciato la presenza di una eSim nel nuovo smartwatch Gear S2 Classic 3G, che verrà commercializzato dal mese di marzo.

(19 febbraio 2016)