Life Pod, la casa viaggia sul rimorchio da moto d'acqua

Una casa talmente piccola da poter essere trasportata sul carrello per la moto d’acqua ma abbastanza confortevole da poterci vivere. Ecco la mini casa Life Pod. Tutti i dettagli

life-pod-michael-weekes.jpegL’idea è venuta a Michael R Weekes, un ingegnere col pallino delle invenzioni: fare una casa da abitare ma da poter facilmente trasportare sul rimorchio legato all’automobile, al pari di uno scooter o una moto d’acqua.

Il risultato si chiama Life Pod, una sorta di capsula/modulo abitativo, una struttura in legno rivestita in schiuma, completa in ogni sua parte, del peso complessivo di 680 kg.

Lunga 4 metri e larga 2,5 metri, Life Pod è composta da due cupole geodetiche, collegate tra loro da un cilindro a 10 fasce. Dispone di due finestre a oblò e la porta d’accesso è costituita da un unico sportello.

life-pod-michael-weekes.jpgAll’interno è allestita con doccia, lavandino, wc per il compostaggio e serbatoio di acqua calda, un forno a microonde e un materasso matrimoniale. L’energia per alimentarla e fare funzionare gli elettrodomestici come pure le luci è ricavata da una coppia di pannelli solari da 300 W e una batteria.

Weeks ha testato la sua mini casa trasportandola per circa 1300 km su e giù per gli Stati Uniti.

Life Pod può servire come ricovero di emergenza ma, perhé no, anche per avere uno spazio abitabile e a prova di pioggia in giardino o come camera per gli ospiti. E se ci si stufa di vederla dove l'abbiamo posizionata, basta caricarla sul traino e spostarla!

Per avere Life Pod occorre attendere circa 4 mesi e pagare 18mila euro (più altri 2600 euro se si vuole anche il kit per l’energia solare).