IFA 2014 | Intel lancia Core M, chip per super tablet

Intel lancia a IFA Core M, la prima versione del suo nuovissimo processore per tablet, ultrabook e pc. Sveliamo i suoi segreti e i suoi vantaggi

Kirk Skaugen di Intel

Ifa, la fiera internazionale dell'elettronica di consumo di Berlino non è fatta solo di annunci di nuovi prodotti ma, spesso, anche della presentazione delle nuove tecnologie che li faranno funzionare. Lo ha fatto Intel, il colosso mondiale dei chip, che nella cornice tedesca ha presentato in anteprima mondiale il nuovo processore Intel Core M (nome in codice Broadwell-Y), la quarta generazione Intel Core per tablet e notebook 2 in 1 (ossia quelli che, staccando la tastiera, diventano veri tablet).

I circuiti interni del chip Intel Core M

Un momento della presentazione Intel a Ifa 2014


CHIP A DOPPIA POTENZA
Il chip Intel Core M vanta una potenza doppia rispetto ai predecessori di appena 4 anni fa (che può essere anche di 7 volte maggiore nel caso di elaborazioni grafiche). Il tutto, con consumi minori e senza necessità di ventole. Il merito è del processo produttivo che passa da 22 a 14 nanometri. In pratica significa consumi più bassi, prestazioni superiori rispetto alla generazione precedente e tutto in un guscio più piccolo.

I circuiti interni del chip Intel Core M

I circuiti interni del chip Intel Core M (il “die”)

Non solo: Per la prima volta, in un chip per pc, i transistor relativi alla sezione grafica possono essere spenti completamente, cosa che permette di risparmiare parecchia energia quando si usa il tablet per compiti facili quali navigare sul web o scrivere un'email.


UNA NUOVA SFIDA
Al momento Intel non è il produttore di riferimento per i chip usati nei tablet, ma con questo nuovo prodotto si affaccia con decisione in uno dei più dinamici mercati dell'hi-tech. Kirk Skaugen, vice presidente senior e general manager del personal computing group di Intel, racconta che «Core M è il primo processore di una nuova famiglia di prodotti che rende possibile la produzione con la tecnologia a “wafer sottile” che dà alte prestazioni ai tablet e ai notebook convertibili».

Il wafer da cui si ricavano i singoli chip Core M a 14 nm

Da questo disco, detto “wafer” si ricavano i singoli chip Core M (se aguzzate la vista li vedete)


L'IMPEGNO ETICO DI INTEL
Altra caratteristica interessante ed etica è il fatto che il processore Intel Core M non contiene "minerali provenienti da zone di conflitto". Vuol dire che i metalli quali stagno, tantalio, tungsteno e oro, necessari per la produzione dei chip, non provengono dalle miniere della Repubblica democratica del Congo, dal momento che, direttamente o indirettamente, contribuirebbero a finanziare i gruppi armati che taglieggiano quel Paese.

La versione tablet del nuovo processore Intel sarà disponibile a costruttori quali Acer, Asus, Dell, HP, Lenovo e Toshiba a partire dal prossimo ottobre. I primi prodotti ad adottarlo, una ventina di modelli ultrasottili (appena 9 mm), saranno nei negozi per natale.

La presentazione Intel a Ifa 2014

Un momento divertente della presentazione Intel a Ifa 2014

(5 settembre 2014)