UPDATED - I-Care, il network contro gli abusi a uomini e animali

Un network "del bene" dove si uniscono le associazioni di volontariato per aiutare uomini, animali e ambiente. Il tutto senza fini economici o politici

AGGIORNAMENTO 11 MARZO 2016 - Il grande network del volontariato italiano, si amplia e continua nella sua opera di salvare vite umane e non umane. Le aultime associazioni ad essersi aggiunte sono: Animal Defenders (in prima linea per salvare i primati detenuti presso lo stabulario dell'Università di Ferrara), Associazione Culturale Vegana Animal Vibe (associazione impegnata a favorire scelte cruelty-free ed alimentazione vegana. Redattrice della rivista "Adesso Vegan" con tiratura di 10mila copie distribuite gratuitamente e Bolognanimale (gruppo antispecista attivo sia nella raccolta fondi per la ricerca biomedica senza uso di animali, sia in azioni dirette a favore degli animali).

Inoltre anche per il 2016 prosegue il progetto di recupero di animali da laboratorio con il recente salvataggio di oltre 200 topi ed oltre 100 ratti. Il numero complessivo di animali recuperati dai laboratori italiani ha superato quota 18mila (18.464 per l’esattezza). Il salvataggio è gestito dal rifugio Gli Ultimi e si cercano adottanti per topi, sia maschi che femmine, nel nord Italia. La specifica nord Italia è relativa al fatto che questi animali sono troppo traumatizzati per un lungo trasporto.Chi desidera aiutare offrendosi come adottante può contattare il rifugio  all'indirizzo mail: rifugiogliultimi@gmail.com


Un nuovo network, nato dall’esigenza di creare una sinergia tra le varie associazioni di volontariato che da sole non riescono e non possono perseguire gli obiettivi che si pongono. E , se come si dice, l’unione fa la forza, I-Care ne è l’esempio lampante.

Le associazioni che sono entrate a far parte di questo network, che mette davanti a tutto le problematiche di uomini, animali e ambiente, lasciando fuori dagli obiettivi da perseguire politica e discorsi economici, sono: Associazione Italiana di Supporto Vittimologico, referente italiano del principale network europeo che si occupa di vittime di abusi e reati, AA-Associazione Autismo, Associazione Vittime della Caccia, Freccia 45, No Harlan Group, Rifugio Gli Ultimi, che si dedica ai roditori salvati dai laboratori per la vivisezione, Hope Horse, Salviamo gli Orsi della Luna, supporter della Animal Asia Foundation, CeBioFF, attiva nella tutela di territorio/fauna/ambiente, Associazione Net, Agripunk, che si adopera per far conoscere nuove economie etiche e antispeciste, Italia Senza Vivisezione, rIcerCARE, TheAlternatives che spingono per una ricerca scientifica rigorosamente senza uso di animali.

Altre associazioni che hanno fatto richiesta e che sono state accuratamente selezionate e valutate si stanno per aggiungere.

Massimo Tettamanti, criminologo forense e chimico ambientale, noto in Italia per l’attività ed i successi ottenuti contro la sperimentazione animale, spiega i motivi che hanno portato alla creazione di questo network: <<Ci siamo finalmente uniti, perché esseri umani, animali non umani e ambiente non possono essere difesi con successo se ciascun gruppo o associazione agisce debole e isolata dagli altri ambiti del volontariato che difendono le vittime, tutte, di questa società del massacro>>.
 

Tettamanti, che è anche  e uno dei coordinatori di I-Care Network conclude: <<Viviamo in un mondo al contrario dove è più conveniente, dal punto di vista economico e legislativo, uccidere, abusare, inquinare. Viviamo in una società dove chi abusa è più tutelato di chi è vittima di abusi>>. I-Care è anche su Facebook.
 

Molto simile ad I-Care è il social network dedicato al volontariato Uidu (di cui vi abbiamo spiegato il funzionamernto su "Il network dedicato al volontariato"), Ad oggi si compone di 1300 associazioni no-profit e si prefiggendosi di mettere in contatto organizzazioni e singoli cittadini che hanno voglia di mettersi in gioco donando del proprio tempo per gli altri.

Insomma se se vuole fare del bene, le occasioni non mancano. L’importante è volerlo!

(26 gennaio 2016)