Hands Free, il pagamento digitale a mani libere

In California Google ha avviato la sperimentazione di Hands Free, un nuovo sistema di pagamento elettronico che non richiede neppure l’utilizzo diretto dello smartphone. Ecco come funziona

I pagamenti elettronici con lo smartphone devono ancora prendere piede in Italia. Negli Stati Uniti, invece, sia Apple Pay che Google Pay stanno conquistando sempre più persone per la loro facilità d’uso e per il fatto che, grazie al riconoscimento con l’impronta digitale, la sicurezza è garantita.

A Big G, però, il sistema Google Pay ancora non basta e, nella zona di San Francisco, da qualche settimana sta sperimentando un nuovo metodo digitale, Hands Free.

Come indica il nome stesso, Hands Free, ossia a mani libere, non richiede nemmeno l’utilizzo dello smartphone per effettuare i pagamenti. Basta essersi registrati al servizio e avere lo smartphone in tasca, nella borsa o comunque in una zona raggiungibile via bluetooth.

E’ poi sufficiente dire al cassiere che si vuole pagare con Hands Free perché venga attivata una connessione bluetooth tra il punto vendita e il nostro smartphone. In quel momento ecco che la nostra fotografia è prontamente visualizzata, il cassiere può riconoscerci e, quindi, approvare la spesa.

Il tutto, però, è solo di un primo passo: nelle intenzioni di Google il passaggio successivo riguarderà il riconoscimento automatico del viso attraverso una telecamera installata presso il punto vendita che non richiederà così nemmeno la presenza di un addetto.

L’app Hands Free è attualmente disponibile per Android (a partire da Android 4.2) e iOS (a partire da iPhone 4S) e non richiede dispositivi particolarmente recenti.

Se dovete andare negli Stati Uniti, ora siete avvisati!

Sotto un video dimostrativo di Hand Free