Deloitte | Tecno previsioni per il 2015

Il futuro della tecnologia si vede nella sfera di cristallo? Non proprio: lo si può leggere nelle previsioni che ha elaborato Deloitte, una delle più importanti società mondiali di servizi alle imprese. Eccole

L'eco dei tecno-trend più gettonati su Twitter durante lo scorso International Ces di Las Vegas non si è ancora spento e già fioccano altre previsioni sulle innovazioni tecnologiche e i trend dei prossimi mesi. Tra le più affidabili ci sono le opinioni degli analisti di Deloitte che, come di consueto, hanno elaborato e “messo a fattor comune”, come dicono loro, le informazioni raccolte presso le aziende del settore technology, media & telecommunications. «Le predictions di Deloitte per il 2015 anticipano una rivoluzione nelle vendite al dettaglio paragonabile all’avvento dell’e-commerce» sostiene Alberto Donato, partner Deloitte e responsabile italiano technology, media & telecommunication. «Saranno rivoluzionate le modalità di consegna degli acquisti online, ritirati quando e dove il cliente desidera, così come i pagamenti in negozio, sempre più spesso effettuati con il cellulare». Già queste due sarebbero una rivoluzione. Vediamole tutte in dettaglio.

SMARTPHONE: SEMPRE I PIÙ DESIDERATI

Lo smartphone resterà, anche nel 2015, il tecno oggetto più desiderato da quasi un miliardo e mezzo di persone. Il settore genererà ricavi per 300 miliardi di dollari e batterà, in termini di esemplari venduti, tv, tablet, pc e videogiochi sommati. Per la prima volta i possessori di smartphone saranno più di 2 miliardi e l'industria prevede di vendere almeno 1 miliardo e 400 milioni di pezzi nuovi. Nel mondo Occidentale, infatti, il tasso di sostituzione personale resterà alto, con uno smartphone nuovo ogni 18 mesi. Tra i motivi del cambio ci sono il look trendy e le nuove funzionalità quali il riconoscimento con impronte digitali e la fotocamera migliorata.

BATTERIE DEI CELLULARI: AVANTI PIANO

Se le vendite di smartphone vanno a gonfie vele, non altrettanto si potrà dire dell'autonomia delle loro batterie che, nel 2015, migliorerà appena del 5%. L'industria, infatti, nonostante le ricerche di nuove e più efficienti batterie procedano a ritmo serrato, non è ancora riuscita a trovare un valido, economico e più efficiente sostituto del litio, l'elemento principale che permette di realizzare le attuali batterie. Questo fatto ha generato, nel nostro Paese, un florido mercato per le batterie esterne che permettono di ricaricare lo smartphone anche quando non si è a portata di una presa elettrica.

L'ANNO DEI PAGAMENTI COL CELLULARE

Secondo Deloitte il 2015 sarà l'anno buono per i pagamenti via cellulare. I colossi Mastercard e Visa sono pronti e anche alcuni tra i più importanti produttori di smartphone, tra i quali Apple e Nokia. Per la fine dell'anno ci si aspetta che il telefonino diventi un vero borsellino elettronico, usato una volta al mese in almeno il 5% delle transazioni (ora questa percentuale è dello 0,5%). Commissioni bancarie permettendo.

COMPRI ONLINE, RITIRI IN NEGOZIO

Il 50% dei cittadini europei compie acquisti online, ma la percentuale di chi è soddisfatto dei servizi di consegna è molto bassa. Ecco perché i 2015 vedrà l'esplosione del sistema clic & collect (clicca e ritira), luoghi in cui il consumatore si reca a ritirare di persona il prodotto acquistato, in una specie di ibrido più efficiente tra acquisto online e in negozio. Le previsioni dicono che, in Europa, ci saranno almeno 500 mila punti di ritiro: un aumento del 20% rispetto al 2014. Scuole, banche, negozi tradizionali e perfino parcheggi e stazioni sono i candidati più gettonati ad accogliere gli armadietti del sistema clic & collect.

INTERNET DELLE COSE SPICCA IL VOLO

Gli oggetti di uso quotidiano connessi al web, e per questo più intelligenti e utili, ci faciliteranno la vita. È l'internet delle cose, che darà grande impulso ai bilanci dei produttori. Quest'anno gli oggetti connessi aumenteranno del 60% rispetto all'anno scorso e raggiungeranno il miliardo. La cosa interessante è che i benefici dell'internet delle cose saranno 10 volte maggiori per le aziende rispetto ai risparmi generati per i consumatori. Nel settore automobilistico, per esempio, si stima che, nel 2015, saranno vendute 16 milioni di automobili intelligenti, con vantaggi pazzeschi per le compagnie di assicurazione. Gli elettrodomestici intelligenti daranno ai produttori, in tempo reale, dati mai raccolti prima sia sullo stato di usura sia sulle modalità di utilizzo: il Grande Fratello sarà a cena con noi. Inoltre, nuovi contatori elettrici permetteranno di analizzare la domanda di energia nei periodi di picco e di evitare la costruzione di nuove centrali.

BANDA LARGA SEMPRE PIÙ VELOCE

Nel 2015 la banda larga raggiungerà 725 milioni di abitazioni e, soprattutto, sarà il 20% più veloce. Per questa ragione appariranno nuove offerte di connessione dati cablate e wireless, con prestazioni e prezzi differenti, tarati sull'uso che se ne desidera fare (per esempio per lo streaming video, uno dei maggiori responsabili del consumo di banda).

LA RIVINCITA DEI LIBRI DI CARTA

Deloitte chiude le sue previsioni sui tecno trend del 2015 con una notizia forse sorprendente: il libro di carta si acquisterà sempre di più online e manterrà un solido primato sugli ebook. Genererà almeno l'80% dei ricavi per gli editori e resterà il preferito per almeno il 60% dei lettori. Le cose andranno diversamente nel settore dei quotidiani e dei periodici, che dagli ebook riceverà una nuova mazzata con la complicità dei soliti sospetti: tablet, smartphone e banda larga wireless. Cliccate sull'immagine per scaricare il pdf, in inglese, con lo studio completo Deloitte Technology, Media & Telecommunications predictions 2015
(21 gennaio 2015)