Take My Things, il trasporto è social

Un nuovo servizio mette in contatto chi deve fare un certo tragitto con chi ha bisogno gli venga recapitato o trasportato un oggetto. Così si risparmia e tutti sono contenti. Ecco come funziona

A tutti, almeno una volta, è capitato di dimenticare il portafoglio sul tavolo e di non riuscire o potere tornare indietro a prenderlo. Oppure di avere necessità di fare arrivare un pacco da qualche parte in tempi brevi ma senza spendere un capitale. Ed è propria una di queste situazioni che ha fatto accendere la lampadina in testa a una coppia di amici, Guido Balbis e Francesco Demichelis. Un giorno di qualche estate fa, infatti, Demichelis ha dimenticato in città le chiavi della casa al mare ed è stato costretto a percorrere altri 150 km per recuperarle.

La soluzione che i due hanno escogitato si chiama Take my Things ed è un servizio che rende social il trasporto.

Grazie ad una app gratuita, disponibile per Android e iOS, Take my Things mette in contatto 24 ore su 24 coloro che  hanno necessità di far arrivare un pacco anche grande, un oggetto o ciò che si vuole, con quanti sono disposti a farlo perché magari fanno quel tragitto abitualmente o vogliono guadagnare qualcosa.

Funziona così: una volta registrati sulla piattaforma, è sufficiente inserire l’oggetto, l’indirizzo di presa e di consegna, la data e l’ora massima per la consegna e la cifra che si è disposti a pagare. A quel punto Thake My Things incrocia i dati inseriti, mettendo in contatto chi è disposto a trasportare, detto Transporter, con chi deve far viaggiare l'oggetto. In pochi mesi Take My Things ha già fatto viaggiare oltre 1.000 pacchi in tutta Italia.

Sotto il video esplicativo di Take my Things