Hound, l’assistente digitale è più “umano”

Hound è un nuovo sistema di riconoscimento vocale che per le sua caratteristiche potrebbe mettere in seria difficoltà Siri, Cortana e Google Now. Tutti i dettagli

Il sogno di conversare normalmente con le macchine come fossero persone è sempre stato un chiodo fisso di noi umani sin dall’antichità. E la tecnologia ha fatto e sta facendo di tutto per accontentarci. Così dalla voce immaginaria di Hal 9000, protagonista del film di fantascienza "2001 Odissea nello spazio", alla fine siamo finalmente arrivati a quella di Siri sull’ iPhone, Cortana su Windows e Google Now su Android.

Però, nonostante i progressi, gli assistenti digitali del ventunesimo secolo sono in grado di rispondere solo a esigenze o domande specifiche o poco più e, soprattutto, sono ancora troppo lenti.

Per tale motivo, da circa dieci anni, un gruppo di ingegneri americani, guidati da Keyvan Mohajer, il fondatore di SoundHound, il primo sistema di riconoscimento musicale mai realizzato, si è messo al lavoro. E il risultato è ha rilasciato Hound, una app per iOS e Android, in grado di riconoscere contesto e dettagli delle nostre domande.

Rispetto ai concorrenti, Hound ha dalla sua una velocità superiore e la possibilità di capire più concetti contemporaneamente:  per esempio si può chiedere il nome di un albergo vicino a dove ci troviamo che accolga animali, abbia almeno 3 stelle, costi meno di 100 euro e offra una colazione vegana. Grazie alla collaborazione con Uber e Yelp, poi, gli utenti possono fin d’ora organizzarsi velocemente le serate. Certo, anche Hound commette errori e, in particolar modo, non sempre riesce a fornire alternative praticabili a domande impossibili, ma la strada sembra essere quella giusta e da questo momento in poi il sistema di apprendimento utilizzerà anche gli input dei migliaia di utenti che richiedono informazioni ogni giorno.

Purtroppo in questa prima fase Hound è disponibile solo in inglese e, per utilizzarla sui nostri telefoni, occorre esprimersi in questa lingua. Niente paura per la pronuncia però: Hound comprende anche i texani!

Sotto il video di presentazione e spiegazione