Doityo, la app che scova il lavoro vicino a dove sei

Arriva in Italia la app geolocalizzata di origine svizzera che mette in contatto offerta e domanda di lavoro e cerca d’incentivare la micro-imprenditorialità individuale

Non solo nella stessa città ma anche nello stesso quartiere e, se capita, persino via: Doityo è una app che connette domanda e offerta di lavoro tra persone vicine, tramite la geolocalizzazione. In tal modo datori di lavoro e lavoratori in cerca di occupazione possono entrare in contatto, secondo un  modello in cui le parti dialogano direttamente per generare opportunità di lavoro concrete e immediate e garantire così maggior autonomia e continuità lavorativa.

doity2.jpgIl progetto, sviluppato in quattro lingue (italiano, inglese, francese, tedesco) e nato da un’idea di Davide Alfano, imprenditore edile ticinese con il pallino per il digitale, è animato da tre principi: creare nella propria comunità un network spontaneo tra domanda e offerta, sviluppare le proprie capacità professionali e promuovere l’iniziativa personale.

La novità dell’applicazione risiede nel servizio di geolocalizzazione che, se attivato dagli utenti iscritti, consente di segnalare a chi offre lavoro solo i candidati che si trovano all’interno del raggio che ha selezionato, e quindi a distanza di pochi chilometri o addirittura metri.

Scaricabile gratuitamente dall’App Store e da Google Play sul proprio smartphone, al momento le categorie di lavoro presenti riguardano: lavori domestici e socio-sanitari, tecnologia, catering ed eventi, lezioni private, sport, giardinaggio, idraulica, elettricista, imbianchino, benessere ed estetica, consegne e trasporti, traslochi, segretariato, ufficio e amministrazione.

La app consente al datore di lavoro di specificare le capacità richieste per la singola attività, per consentire la visualizzazione soltanto di quei candidati con le caratteristiche richieste, i quali, a loro volta, attraverso una chat, possono accordarsi con l’offerente per le modalità e le tempistiche di svolgimento del lavoro.

Al termine del rapporto di lavoro è inoltre possibile inserire una valutazione con referenze e punteggi.

(7 maggio 2015)