Buru-Navi, la nuova tecnologia di “tactile navigation”

E’ nuovissima e ancora nessuno sa di cosa si tratti: Buru-Navi è una tecnologia innovativa, che sta per fare la sua comparsa sul mercato e modificare radicalmente il modo in cui siamo ormai abituati a farci guidare dai dispositivi tecnologici. Per non essere impreparati, scopriamo insieme di cosa si tratta

Si chiama Buru-Navi ed è definita come una tecnologia di  “tactile navigation”. Poche parole che di per sé spiegano poco o nulla ai profani ma che, a breve, potrebbero diventare molto note. Meglio dunque giocare d’anticipo e scoprire e capire in cosa consiste questa novità. Partendo dall’inizio.

Buru-Navi è una tecnologia sviluppata da Ntt Data e Ntt e si prefigge lo scopo di far navigare le persone in ambienti interni ed esterni,  come se fossero letteralmente condotte per mano da una “guida tecnologica”. Il tutto grazie all’utilizzo di un dispositivo mobile di dimensioni ridotte. Per esempio può fare da guida per la sicurezza in caso di blackout o incendio all’interno di spazi interni, prestarsi a fare da Cicerone ai turisti e ai visitatori di un museo, conducendoli sulla base dei loro interessi o, ancora, svolgere funzioni sociali utili come fare da cane guida virtuale agli  ipovedenti e ai non vedenti.

Il dispositivo originale è già al centro dello sviluppo di una soluzione di navigazione indoor/outdoor sviluppata da Ntt Data in Italia, che integrerà la tecnologia di percezione aptica, ossia il processo di riconoscimento degli oggetti attraverso il tatto, contenuta in Buru-Navi, con la tecnologia di localizzazione tramite il magnetismo terrestre ideata da GiPStech, una startup italiana già partner di Ntt Data Italia.

I partner del progetto hanno integrato su uno smartphone una speciale custodia. La custodia, combinata con una tecnologia di localizzazione indoor ibrido-geomagnetica ad alta precisione di GiPStech, racchiude le funzioni di percezione aptica e la propriocezione, cioè la capacità di percepire e riconoscere la posizione del proprio corpo nello spazio, della posizione della mano rispetto all'oggetto. 

Per dirla in maniera spicciola, grazie al sistema Buru-Navi, l’esperienza immersiva delle realtà virtuale si arricchisce della  dimensione tattile, che si aggiunge a quella visuale e sonora. Così di ha una percezione molto più realistica e si possono sperimentare le sensazioni di peso, di ruvidità, di torsione ecc

Le tecnologie per la localizzazione in ambiente chiuso sviluppate fino ad oggi, sono basate su Wi-Fi e beacon Bluetooth LE e non rispondono efficacemente ai bisogni delle persone di muoversi indoor, in quanto risultano essere poco precise o troppo costose a causa della necessità dell’installazione di sensori. Inoltre tutti gli attuali sistemi di navigazione sono basati, ad imitazione di quelli per uso automobilistico, sull’utilizzo di mappe visuali e indicazioni audio, ed escludono di fatto chi, per malattia, incidente o handicap congenito, non vede e non sente. 

La novità di Buru-Navi è appunto il supermanento di queste limitazioni, grazie all’integrazione della navigazione con  feedback sensoriali e localizzazione ibrido-geomagnetica.

In pratica il feedback sensoriale tattile del dispositivo Buru-Navi consente di dare istruzioni di navigazione all’utente, anche senza il supporto di una mappa che mostri il percorso. Ciò risulta particolarmente utile anche nelle situazioni di emergenza, in luoghi senza luce o con forte presenza di fumo, perché il sistema rende possibile localizzare il percorso più veloce o semplicemente per trovare una via di fuga.

La tecnologia Buru-Navi è unica nel suo genere in quanto, sfruttando le potenzialità del solo tatto, attraverso vibrazioni asimmetriche che generano a livello di sistema nervoso centrale la sensazione di essere letteralmente “tirati” in una specifica direzione, conduce l’utente come fosse realmente preso per mano e guidato.

In Giappone Ntt Data si focalizzerà sulla sperimentazione sul campo, mentre in Italia continuerà a lavorare sullo sviluppo della soluzione, con dimostrazioni in tutto il mondo fino a giugno 2017. I risultati raccolti serviranno per ideare nuovi servizi e utilizzi della di Buru-Navi.

Vi terremo aggiornati. Stay tuned!