In Prova | Synology Diskstation DS216+ II

Il Diskstation DS216+II è un nas di fascia media a 2 bay di Synology. Lo abbiamo messo alla prova e ne siamo rimasti soddisfatti: lo specialista taiwanese ha creato un ottimo prodotto. Vediamo perché.

Il Diskstation DS216+II è un nas (network attached storage, ossia un archivio collegato in rete) di fascia media a 2 bay di Synology. Pensato per un uso in ambienti small business, se la cava bene anche in ambito domestico dove, dalla sua, ha la robustezza e la facilità d'uso di un sistema operativo collaudato, ben progettato e ben tradotto anche in italiano (non tutti i concorrenti possono dire la stessa cosa).

Lo abbiamo provato sia su Mac sia wu Windows e in entrambe le configurazioni non abbiamo avuto problemi né nell'installazione né nella gestione. Tutto è filato via liscio e senza intoppi.

La prima accensione
Come di consueto, alla prima accensione è necessario registrare il Diskstation DS216+II sulla propria lan e formattare i dischi. L'operazione è automatica e avviene in circa 10 minuti lanciando dal browser l'indirizzo find.synology.com che provvedere a rilevare il nas, a installare Synology Assistant, il software di gestione e a compiere passo passo le operazioni di messa a punto. Crea l'utente di amministratore e anche la comoda utility QuickConnect, per accedere al nas da remoto senza inoltro di porte e altre operazioni manuali noiose o complesse. Basta digitare nel browser l'indirizzo personalizzato fornito in automatico dalla procedura.

 

Synology-Diskstation-DS216-Plus_07.jpg

Il software di controllo
Il software di controllo è il collaudato Synology DiskStation Manager. Robusto (è basato su Linux) e chiaro, non disorienta nemmeno gli utenti alle prime armi. Il cuore delle app è il Centro pacchetti Synology, da cui scegliere e scaricare le app desiderate. Tra le tante, non manca un comodo server iTunes e la stazione di sorveglianza, utile nel caso siano installate videocamere ad accesso remoto.

L'app File Station è la porta di accesso, via browser, al mondo di questo nas. È il modo più veloce e facile di copiare e trasferire i file così come di assegnare o negare i permessi di condivisione ai file archiviati e va bene. Comodissima anche la possibilità di condividere uno o più file semplicemente cliccandoci sopra, con il tasto destro del mouse, per ottenere un link condivisibile, allo stesso modo di come avviene con Google Drive.
 

Le prestazioni
Per le nostre prove abbiamo usato due dischi Seagate Seagate Iron Wolf (vedi avanti) configurati con il sistema Synology Hybrid Raid. Il nas si è comportato bene in tutte le operazioni di lettura (circa 120 MBps ) e scrittura (circa 80 Mbps) a cui lo abbiamo sottoposto, sfruttando la nostra rete lan gigabit, collegato a un iMac core i7 con Mac Os Sierra 10.12.4 e anche a una partizione Windows 10 con Bootcamp. In concreto vuol dire che le app si caricano velocemente, senza fastidiosi rallentamenti. Nell'uso normale il video (anche in qualità 4k) è sempre stato trasmesso in modo fluido e senza scatti così come altri contenuti difficili come per esempio foto in hdr da svariate decine di MB l'una.
 

Synology-Diskstation-DS216-Plus_06.jpg

Come è fatto
Il Synology Diskstation DS216+II è ben costruito. Per la nostra prova lo abbiamo dotato di due hard disk di classe enterprise Seagate Iron Wolf da 6 TB (in rete costano circa 200 euro l'uno). Sono due mostri da 6 TB ciascuno progettati per un funzionamento 24/7 e gestire senza problemi carichi elevati e multiutente. Supportano il sistema Error Recovery Control e hanno un avanzata gestione del consumo energetico.

Installare gli hard disk è estremamente semplice e non servono strumenti: basta estrarre la slitta, sbloccare i fermi laterali e rimetterli al loro posto dopo aver appoggiato il disco. Se si opta per hard disk da 2,5 pollici basta fissarli al centro della slitta con le viti fornite di serie ma, anche in questo caso, è questione di un minuto.

Il Synology Diskstation DS216+II è motorizzato da un processore dual core a 64 bit Intel Celeron N3060 a 1,6 GHz (che può salire fino a 2,48 GHz). Il che significa che supporta l'architettura x86 e dunque è possibile trovare tante app "non ufficiali" al di fuori del centro delle app di Synology.

Dal punto di vista delle connessioni il Synology Diskstation DS216+II una presa lan Gigabit , due prese usb 2.0 e una presa e-sata (tutte e tre posteriori); sul frontale, oltre ai tasti di accensione e ai led di stato c'è una comoda presa usb 3.0.

Synology-Diskstation-DS216-Plus_08.jpg

Il parere di TheDigeon
Synology Diskstation DS216+ è un nas pensato per applicazioni small business. Noi lo abbiamo apprezzato anche nell'uso domestico. Supporta accessi multipli contemporanei così come il collegamento di periferiche esterne quali stampanti o adattatori wireless.

A noi, però, è piaciuto molto di più usarlo per applicazioni "divertenti". Per esempio per vedere in remoto, su tablet, su smartphone e smart tv, i video e le foto archiviate nel nas. In particolare abbiamo apprezzato molto la comodità di vedere in tv video e foto senza usare il macchinoso software della tv. Così come di vedere su smartphone i video archiviati sul nas già transcodificati e scaricati nel telefono per vederli senza consumare dati della connessione 4G di rete.

In quanto utenti nomadi, poi, abbiamo apprezzato la possibilità di gestire facilmente la sincronizzazione dei contenuti da e verso una pletora di dispositivi, dal tablet allo smartphone, dal pc dell'ufficio a quello di casa, grazie alle funzionalità di Cloud Station Drive. Idem per il backup, sottoposto alle cure dell'app Cloud Station Backup.

Synology-Diskstation-DS216-Plus_02.jpgFacile da configurare e da usare grazie all'ottimo e solido sistema operativo via browser (Synology DiskStation Manager) e alla possibilità di installare nuove app in modo super facile dal Centro pacchetti Synology, il Synology Diskstation DS216+II si fa apprezzare per le prestazioni e per l'affidabilità.

Ci è piaciuta la capacità di transcodifica hardware dei più diffusi e moderni flussi video come per esempio l'H.264 (AVC) e l'H.265 (HEVC) fino alla risoluzione 4k @30 fps. In tema di video, l'unico momento in cui abbiamo visto il Synology in difficoltà è stato quando abbiamo provato a fargli riprodurre materiale video codificato mpeg2 lossless: il player interno si è arreso. In un paio di altri casi, poi, sempre con un flusso video mpeg 2, abbiamo notato una compressione video maggiore di quanta fosse visibile nella riproduzione in locale da hard disk.

Nelle nostre prove la velocità di scrittura sequenziale è stata un poco inferiore ai dati di targa presentati dal produttore ma, al netto delle variabili di sistema, nell'uso pratico non abbiamo notato particolari colli di bottiglia. Abbiamo visto (bene) in streaming il video mandato dal Synology verso Apple Tv e verso una tv compatibile Dlna ma ci sarebbe piaciuto che il nas avesse anche una presa hdmi, per collegarlo direttamente a un display con quello standard.

Ci sarebbe pure piaciuto che il Synology Diskstation DS216+II avesse magari due anziché una sola presa usb 3.0 e avesse anche una presa per le schede di memoria sdA proposito di memoria: quella ram è 1 GB ddr3: non una gran quantità ma dobbiamo ammettere che, durante le nostre prove, non abbiamo sentito la mancanza di un quantitativo maggiore.

Infine, per quanto si tratti di un prodotto piuttosto silenzioso, a nostro parere questo nas soffre dell'effetto "scatoletta" ossia dell'effetto dà, agli hard disk in azione, il tipico rumore del contenitore plastico che li contiene. Il Synology Diskstation DS216+ II ha un prezzo consigliato di 335,50 euro e, secondo noi, li vale tutti.