EPFL I La stazione di servizio del futuro è già realtà

Inaugurata due giorni fa a Martigny, in Svizzera, consente di ricarica le auto elettriche e anche quelle a idrogeno. Tutti i dettagli

Le auto elettriche non sono certo una novità. Le vediamo girare abitualmente per le nostre città e anche la Svizzera ne è piena. Diverso discorso, invece, riguarda le auto a idrogeno, sul cui futuro in positivo stanno investendo milioni di yen i Giapponesi, ma che sono ancora all’alba.

Quel che è certo, e che accomuna le due tipologie di vetture, però, è l’obiettivo: l’energia pulita e l’inquinamento prossimo allo zero.

Così all’École polytechnique fédérale (EPFL) di Losanna, in Svizzera, guardando al futuro, si sono portati avanti col lavoro e il 10 settembre scorso hanno inaugurato a Martigny, nel Cantone Vallese, il primo distributore in grado di servire sia le auto elettriche che quelle a idrogeno.

La nuova stazione di servizio è dotata di due terminali capaci di fare il pieno alle prime e alle seconde. Completa di sensori, è in grado di fornire agli ingegneri dell’ EPFL i dati necessari per misurare, comprendere e migliorare tutte le fasi della produzione, dalla  compressione allo stoccaggio, fino alla distribuzione di combustibile, per ottimizzare il bilancio energetico.

Entrambi  i terminali della stazione, sono provvisti di una megabatteria, in grado di stoccare 400 kWh. Collegata alla rete, oltre a immagazzinare energia, la super batteria consente di produrre idrogeno, grazie a un sistema specificamente sviluppato per Martigny.

Il tempo di ricarica di un’auto a idrogeno? Tre minuti contro i 30 di quella elettrica.

Sotto il video ufficiale