Cassie, il robot bipede che ci porterà i pacchi a casa

E’ considerato il robot a due gambe più avanzato al mondo e presto il suo sistema di movimento sarà integrato in nuovi modelli robotici dediti al trasporto di cose e persone. Scopriamo Cassie

Il progetto e lo sviluppo appartiene a Jonathan Hurst, professore associato di robotica dell'Oregon State University, e Chief Technology Officer della spin-off Agility Robotics. Il risultato è una creatura meccatronica che si chiama Cassie.

Si tratta di un robot bipede e dalle gambe simili a quelle di uno struzzo, in grado di camminare, muoversi agilmente ovunque, cadere senza rompersi e, soprattutto, lavorare come fattorino e portapacchi o anche per il trasporto e il soccorso degli esseri umani.

L’obiettivo che i ricercatori si sono dati con la sua creazione è ottenere una macchina autonoma in grado di andare anche dove gli umani non possono, in meno tempo e con poco dispendio di energia.

Al momento Cassie è un prototipo, ossia una piattaforma sperimentale che servirà nel breve periodo ad elaborare modelli diversi di robot, tutti più o meno dediti alle consegne o comunque allo spostamento di persone e cose.

Realizzato nell’arco di 16 mesi, grazie a un finanziamento di 1 milione di dollari,elargito dall’Advanced Research Projects Agency del Dipartimento della Difesa statunitense, Cassie è considerato uno dei robot più avanzati nel suo genere.  E non è un caso che i manager di Agility Robotics siano già al lavoro sulle sue applicazioni commerciali.

Di fatto in questo periodo il settore del trasporto merci a domicilio sta interessando sempre più le company di robotica.

Potrebbe non essere quindi lontano il giorno in cui, sentendo suonare il campanello e aprendo la porta, ci si possa ritrovare di fronte un automa che amichevolmente ci dica: <<C’è un pacco per Lei!>>

Sotto il video di Cassie in azione