Asus Zenbo, il robot amico costa come uno smartphone

Un nuovo robot "buddy" si affaccia nell’universo delle creature meccatroniche e promette di farci compagnia. Ecco come funziona

La scorsa settimana il colosso delle’elettronica di consumo taiwanese Asus ha svelato un nuovo robot da compagnia: si chiama Zenbo e, tra le sue funzionalità, ha anche quella di controllare la casa in nostra assenza.

Zenbo non ha braccia, si sposta su ruote e integra un display touch a colori e una fotocamera nella testa che, oltre a consentirgli di esprimere "emozioni" facciali, permettono al proprietario di utilizzarlo come telefono ambulante per le videochiamate.

Il robot si collega alla rete wireless e alle applicazioni della smart home, dal televisore al termostato e, tramite app dedicata, consente di collegarsi in remoto da smartphone e vedere ciò che il suo occhio elettronico riprende.

Non solo: Zenbo risponde ai comandi vocali, parla, interagisce, gira autonomamente per la casa, intrattiene i bambini, legge ricette culinarie agli adulti, trasmette musica e film, naviga in internet (incluso la possibilità di utilizzarlo come si farebbe con un tablet, per effettiare acquisti on line), ricorda alle persone anziane di prendere le medicine e gli appuntamenti dal medico. E se qualcosa non va, per esempio, se la persona cade, informa i figli.

Dotato di intelligenza artificiale, infine, Zenbo apprende nel tempo le abitudini dei componenti della famiglia in cui vive, adattando il suo comportamento alle diverse personalità.

Ma l’aspetto che ha fatto scalpore è il costo di Zenbo: il suo prezzo, infatti, corrisponde a quello di uno smartphone di fascia alta, circa 600 euro.

Nel video sotto lo vediamo in azione