Sony α9 | Il mostro delle fotocamere

Sony compie un balzo in avanti con la Sony α9, fotocamera full frame rivoluzionaria. Ha un nuovo tipo di sensore Exmor RS, un autofocus a 693 punti a rilevamento di fase ed è capace di raffiche di 20 scatti al secondo a pieno formato. Eccola nei dettagli

Sony abbandona le mezze misure e, per la sua nuovissima fotocamera Sony α9 si lancia in dichiarazioni entusiastiche: «la α9 è la fotocamera digitale più innovativa e con la tecnologia più avanzata realizzata da Sony. Offre un livello di prestazioni di imaging impareggiabile rispetto alle altre fotocamere presenti sul mercato, che siano mirrorless, reflex o di altre tipologie». Vediamo il perché di tanto entusiasmo.

Diciamo subito che la Sony α9 sfrutta per la prima volta un sensore cmos full frame Exmor RS da 24,2 Mpixel di tipo "stacked", ossia a strati. Vuol dire che offre una velocità di elaborazione dei dati dell'immagine 20 volte più rapida rispetto alle altre fotocamere mirrorless full-frame di Sony.

Sony-Alpha-9_02.jpgIl sensore permette la gestione di immagini raw a 14 bit non compressi, per foto dalla gamma dinamica eccezionale. Lavora in coppia con il nuovo processore Bionz X e con un chip di acquisizione Lsi (Large scale integration, in pratica un chip ultracomplesso) che contribuiscono a ottimizzare le prestazioni e a gestire lo stabilizzatore di immagine a 5 assi capace di recuperare 5 step sulla velocità dell'otturatore.

L'autofocus ibrido a 693 punti a rilevamento di fase, calcolati 60 volte al secondo, copre circa il 93% del fotogramma, in questo modo garantisce che anche i soggetti in movimento rapido siano mantenuti perfettamente a fuoco. L'autofocus della Sony α9 è di circa il 25% più veloce rispetto a quello, molto buono, dell'α7R II. La velocità dell'otturatore arriva fino a 1/32.000 di secondo.

Novità interessanti anche per quanto riguarda il mirino elettronico, che non ha interruzioni, nemmeno nell'istante dello scatto dell'otturatore e nemmeno nello scatto a raffica. È un mirino Quad-VGA OLED Tru-Finder ad alta luminosità e con risoluzione di circa 3.686.000 punti.

Le foto possono venire registrate su entrambe le schede di memoria disponibili (una è di tipo UHS-II) e si può scegliere se separare RAW e JPEG oppure foto e video.

I professionisti apprezzeranno la disponibilità, sulla Sony α9 di una presa Ethernet per trasferire velocemente e comodamente le immagini su un server ftp specifico. La fotocamera sfrutta poi una nuova batteria serie Z, con capacità pari a circa 2,2 volte quella delle batterie W.

La nuova Sony α9 filma in 4k Ultra HD (3.840 x 2.160p) sfruttano tutta la larghezza del sensore full-frame. In questo modo la fotocamera fa una lettura completa dei pixel, senza pixel binning, per registrare informazioni 6k, sovracampionandole per produrre video 4k Ultra HD di altissima qualità e con dettagli e profondità eccezionali. È inoltre capace di riprendere nel diffuso formato Super 35 mm. Nel formato video full hd la α9 lavora fino a 120 fps @100 Mbpse con tracking AF.

La fotocamera con obiettivo intercambiabile Sony α9 sarà disponibile in Europa a partire dal mese di giugno, a un prezzo che dovrebbe aggirarsi attorno ai 4.500 euro (corpo).