Progetto Hercules, la storia rivive in realtà virtuale

Dal prossimo dicembre, a Milano, i luoghi e gli edifici dell’epoca di Sant’Ambrogio rivivono grazie a visori VR e potenti schede di elaborazione grafica. Riportando il visitatore indietro di milleseicento anni. Tutti i dettagli

Visitare le più interessanti zone archeologiche italiane tramite la realtà virtuale. È l’obiettivo del progetto Hercules di Ars Europa. La prima città prescelta è Milano. E non è un caso perché proprio a Sant’Ambrogio è dedicata il primo viaggio in vr del nostro passato.

Il tour virtuale “Ambrogio Immortale” vedrà ricostruite aree della Milano romana dell'epoca imperiale, degli edifici dell'epoca del vescovo non più esistenti, per poi proseguire con altri capolavori antichi. I visitatori saranno immersi in un video interattivo in tecnica mista, un ambiente virtuale in cui, voltandosi a 360 gradi, potranno vedere scene e ascoltare commenti, ad esempio assistere ai lavori di costruzione di una delle antiche basiliche ambrosiane. Una voce fuori campo descriverà il monumento e il periodo storico in cui è ambientata la vicenda.

Il progetto permetterà, infatti, di effettuare vere immersioni percettive tridimensionali nella Storia, consentendo di visitare i luoghi del passato così com’erano stati progettati e costruiti. Tutto questo è possibile grazie alle tecnologie di realtà virtuale, visori vr di ultima generazione e gpu (graphics processing unit) GeForce GTX Nvidia, che assicurano la necessaria potenza di calcolo mantenendo i flussi video per visori alla velocità costante di 90 fps (frame per secondo). In questo modo si evitano ritardi tra input e azione che potrebbero compromettere l'esperienza di realtà virtuale, oltre ad affaticare gli occhi e in alcuni casi causare emicranie allo spettatore.

Il progetto Hercules prevede che il visitatore possa interagire con il filmato, camminare nel cantiere virtuale e nelle strade adiacenti, visitare l'edificio, spostare oggetti, con l’impressione di effettuare un viaggio nel tempo. Anche se l’esperienza più coinvolgente sarà concessa solo indossando il visore VR, sarà possibile visionare il video interattivo anche da un computer, spostandosi nella scena con il mouse, oppure da uno smartphone con un visore economico.