Google Translator con machine learning traduce meglio

Ora BigG promette traduzione più efficienti ed accurate grazie alle reti neurali. Tutti i dettagli  

Niente più strafalcioni e frase prime di senso: è la nuova promessa di Google, che ha appena annunciato un sensibile miglioramento delle funzionalità del suo Translator, il programma che consente di tradurre qualsiasi testo in una moltitudine di lingue diverse .

Stando a quanto pubblicato sul blog ufficiale di Big G dedicato alla ricerca, la prossima volta che useremo Google Traduttore, noteremo che la traduzione è più accurata e più facile da capire. Il tutto grazie all’introduzione di tecnologie più efficienti che si basano su reti neurali.

La tecnologia utilizzata fino a ieri, si basava sulla sequenze di frasi, mentre la nuova sfrutta il machine learning, o apprendimento automatico, per tradurre intere frasi anziché una parte per volta.

Il risultato sono traduzioni generalmente più precise e più vicine al linguaggio di un madrelingua.

Della nuova traduzione neurale si avvarranno anche i testi da tradurre dal o in italiano.

Le nuove traduzioni sono disponibili nella maggior parte dei paesi in cui è presente Google Traduttore: nelle app per iOS e Android, all'indirizzo translate.google.it e tramite la Ricerca Google. Presto saranno anche disponibili per le traduzioni automatiche delle pagine in Chrome.