Google Allo, la app di messaggistica fa da assistente

Il nuovo servizio di messaggistica di Google presenta alcune novità interessanti, tra cui la presenza dell’assistente personale e il livello di personalizzazione delle conversazioni. Ecco come funziona

Oggi Big G lancia ufficialmente Allo, una nuova app dedicata alla messaggistica, che va ad integrare i diversi servizi di Google consentendone l’accesso durante una conversazione.

L’obiettivo di Allo, già pre-annunciata durante il Google I/O 2016, è permettere alle persone di condurre una conversazione, senza doverla abbandonare per reperire informazioni di varia natura. Per esempio la ricerca di un ristorante, l’orario di un volo aereo o un indirizzo.

Disponibile per Android e iOS, la app ha la particolarità di migliorare col tempo, apprendendo i nostri modi di dire e le nostre abitudini. Un esempio è la funzionalità "Risposte intelligenti", che consente di rispondere velocemente senza interrompere la conversazione, anche quando siete in movimento. In pratica si tratta di suggerimenti di risposta, sia testuali che grafici, alle domande poste dal nostro interlocutore.

Via libera all’espressività, Allo allarga il raggio della conversazione includendo non solo il testo ma anche le immagini (ora personalizzabili seduta stante anche tramite adesivi) e le emoji. Tutti questi elementi si possono rimpicciolire o ingrandire semplicemente trascinando in alto o in basso il pulsante "Invia".

L’elemento forte dell’applicazione, però, è l’assistente personale integrato: mentre si conversa, è possibile rivolgere delle domande all’assistente che fornirà le risposte direttamente in chat in modo che tutti i partecipanti possano leggerle. Per attivare la funzione è sufficiente digitare @google e porre la domanda: si va dalle previsioni meteo allo sport, dai video ai ristoranti di zona, alla pianificazione di un viaggio alle condizioni del traffico e praticamente tutto quello che ci viene in mente.

Nei prossimi mesi, l’Assistente (per ora in inglese e presto anche in altre lingue) sarà disponibile in altri prodotti Google, per essere utilizzato facilmente in qualunque momento, a casa o in viaggio.

Tutte le chat di Google Allo sono protette con crittografia attraverso standard di sicurezza come Transport Layer Security (TLS). Per tutelare la propria privacy, però, è presente anche un’altra modalità: si chiama Incognito e tutela i messaggi tramite crittografia end-to-end.

E se la persona con la quale vogliamo parlare non usa Allo? Niente paura, Big G ha pensato anche a questo: gli si invia un messaggio con un sms o, se è un utente Android, un messaggio di preview della app!

Il lancio di Google Allo inizia oggi e la app sarà disponibile in tutto il mondo nei prossimi giorni.